Quali esercizi fare in acqua dopo un’intervento di safenectomia

  1. Home
  2. Wiki di Melarossa
  3. Fitness
  4. Quali esercizi fare in acqua dopo un’intervento di safenectomia

.Dopo un intervento di safenectomia, l’attività in acqua è consigliata perché ha un effetto drenante dovuto al massaggio sul corpo e un’azione di tonificazione. Inoltre in acqua, ci si sente leggero per via dell’assenza di gravità e non si percepisce troppo la fatica.

Con l assenza di gravità, qualsiasi impatto con il terreno non accentua la problematica alle gambe  e non stressa gli arti inferiori.

Di solito dopo 15-30 giorni dall’intervento di safenectomia, si possono ricominciare progressivamente le attività sportive. Ma è comunque sconsigliabile l’esecuzione di sport con violenti impatti come la corsa, il tennis, il calcio ecc…

Per un’allenamento efficace, si può alternare il nuoto all’acquagym e all’hydrobike in modo da variare gli stimoli per non cadere nella noia che il solo nuoto potrebbe dare.

Sia l’acqua gym che l’hydrobike migliorano la resistenza generale e la coordinazione motoria. Si svolgono a carico naturale coinvolgendo tutti i gruppi muscolari e sono un’ottima alternativa al nuoto.

L’hydrobike non è altro che una lezione di spinning eseguita in piscina. Si usa una particolare bicicletta che sfrutta la resistenza dell’acqua. Questo permette il rassodamento dei muscoli, non solo di gambe e glutei ma anche braccia, addome e muscoli dorsali.

Infine e non meno importante, il movimento dell’ acqua sul corpo ha un gradevole ed utilissimo effetto simile ad un idromassaggio, che aiuta a drenare le gambe.

E’ buona norma sottoporsi a una completa visita medico-sportiva, prima di iniziare una costante attività fisica per evitare di incorrere in potenziali rischi per la salute.

 

 

 

 

 

 

Commenti

Questo articolo è stato utile?

Articoli correlati

Commenti