Come rassodare la pelle flaccida

  1. Home
  2. Wiki di Melarossa
  3. Fitness
  4. Come rassodare la pelle flaccida

La pelle flaccida è spesso un problema di chi ha avuto un’importante e veloce perdita di peso. Purtroppo non esistono rimedi miracolosi per rassodarla, perché è molto difficile intervenire direttamente sulla pelle stessa. Ma indirettamente si può andare a rassodare e tonificare i muscoli che daranno alla pelle un’aspetto più compatto.

E’ importante sapere che è durante il dimagrimento che bisogna prevenire il calo di tono per non ridursi all’ultimo e ritrovarsi con l’inestetismo della pelle.

Un aiuto importante è sicuramente bere una grande quantità di liquidi ogni giorno, affinché la pelle sia più elastica, idratata e protetta dai cedimenti.

Fare attività fisica è fondamentale, perché accade che i tessuti si svuotano e si sgonfiano molto velocemente. Non hanno il tempo sufficiente per tornare ad essere tonici e aderenti alla parete muscolare con la spiacevole formazione di pelle flaccida atonica e cadente.

Nelle zone in cui c’è muscolo (braccia cosce e glutei), sarà sicuramente più facile agire rispetto a collo e viso.

Ecco un piccolo esempio di allenamento per aiutare a riprendere tono muscolare senza andare in palestra:

 

  • riscaldamento. 5 minuti di marcia sul posto con delle circonduzioni delle braccia e grandi movimenti per attivare tutta la muscolatura e prepararla al lavoro successivo.
  • Affondi walking facendo attenzione a non superare con il ginocchio la punta del piede e ricercando il terreno con l’altro ginocchio. 10 ripetizioni.
  • Supino su un tappetino. Eseguire una serie di addominali con la pianta dei piedi a contatto con il pavimento. Attenzione ad arrotondare bene la schiena nella fase di salita senza tirare il capo. 20 ripetizioni.
  • Prono, eseguire dei piegamenti sulle braccia, curando l’allineamento del corpo con le cosce. Posizionare le mani leggermente più larghe delle spalle. Se non si riesce a scendere fino a terra, si può mettere le ginocchia a terra per diminuire l’intensità dell’esercizio stesso.10 ripetizioni.

Ripetere per tre volte gli affondi, gli addominali ed i piegamenti sulle braccia.

Per concludere, fare un defaticamento di 5 minuti marciando sul posto e riportando la frequenza cardiaca ai valori iniziali.

Questo è solo un esempio di esercizi di gambe, addome e braccia a carico naturale. Si può variare l’allenamento della parte superiore e inferiore del corpo mischiando gli esercizi a tuo piacimento.

E’ buona norma sottoporsi a una completa visita medico-sportiva, prima di iniziare una costante attività fisica per evitare di incorrere in potenziali rischi per la salute.

Commenti

Questo articolo è stato utile?

Articoli correlati

Commenti