Il nuoto e la resistenza

  1. Home
  2. Wiki di Melarossa
  3. Fitness
  4. Il nuoto e la resistenza

Il nuoto è certamente uno sport completo adatto a persone di ogni età che mette in moto tutti i muscoli del corpo. E’ utile per lo sviluppo di ossa e muscoli senza stress articolari.

Se il problema è la resistenza, l’unica soluzione è allenarsi e fare vasche su vasche. Procedere in modo graduale per migliorare l’efficienza cardiaca e respiratoria e aumentare pian piano la distanza, il ritmo e la durata.

A volte la stanchezza però può esser data da una tecnica non perfetta che non fa economizzare il gesto a discapito della resistenza.

Quindi, il primo consiglio è di farsi seguire da un istruttore di nuoto che sappia valutare la propria tecnica esecutiva durante il tuo stile libero e il dorso.

Affinando la tecnica si comincerà a migliorare la resistenza. Dati scientifici hanno dimostrato infatti che nel nuoto solo il 15-25% della prestazione è data dal livello di forma fisica raggiunto con l’allenamento. La parte restante, un enorme 75-80 %, è data dalla tecnica ed efficienza della nuotata .I migliori nuotatori, i più efficienti sono statisticamente quelli che fanno il minor numero di bracciate per vasca.

Lo scopo è di riuscire a mettere  focus nella tecnica di esecuzione per migliorare  la resistenza. In questo modo,  le soste durante i 25 metri diminuiranno perché nuotando in modo più corretto, si farà la metà della fatica.

E’ buona norma sottoporsi a una completa visita medico-sportiva, prima di iniziare una costante attività fisica per evitare di incorrere in potenziali rischi per la salute.

 

 

 

Commenti

Questo articolo è stato utile?

Articoli correlati

Commenti