Come gestire la dieta con i turni di notte?

Dal punto di vita calorico o nutrizionale non c’è differenza se gli alimenti vengono assimilati di giorno o di notte. Il lavoro notturno, nel portare avanti una dieta, è più che altro demotivante dal punto di vista dell’organizzazione. Per questo, se si lavora di notte, bisognerebbe riuscire a spostare alle ore di veglia gli alimenti previsti dal menu per non avere mai cali di energia o fame eccessiva che, specie la notte, possono portare a mangiare zuccheri semplici (carboidrati e dolci), aggravando molto l’apporto calorico. Sgranocchiare verdure crude e scondite è possibile senza limitazioni: carote, pomodori, finocchi hanno un ottimo potere saziante oltre a fornire vitamine e sali minerali.

Last Update: 29 Aprile 2020  

Eleonora Sarmi  Dubbi Sulla Dieta Melarossa
Eleonora Sarmi

Eleonora Sarmi

Laureata in Scienze dell’alimentazione, sono esperta di sicurezza alimentare e nutrizione, con un focus specifico sull’aspetto medico. Ho diverse esperienze di intership come nutrizionista, in particolare presso il “Ruaraka Uhai Neema Hospital”, Nairobi (Kenya). Per Melarossa mi occupo soprattutto degli approfondimenti che riguardano gli alimenti.

Related Posts