Annuncio pubblicitario

Quando faccio il turno di notte ho fame, che posso mangiare?

Ad un abituale spuntino a base di frutta o di uno yogurt, si può aggiungere della frutta secca (15-20 g circa), ad esempio mandorle o noci. Lo yogurt da consumare deve essere preferibilmente al naturale e parzialmente scremato. Si possono aggiungere ad uno yogurt greco al naturale due cucchiai di sesamo o semi di chia o di lino (10g circa), abbinati a un piccolo frutto. In alternativa, si può consumare uno snack di parmigiano (20g circa) e un frutto medio di stagione (150-200g circa); oppure 2 fette biscottate integrali e della frutta secca (es. mandorle, noci o pistacchi).

A volte gli spuntini salati possono ridurre la sensazione di fame più a lungo di quelli dolci, ma è piuttosto soggettivo. Si può provare a mangiare un piccolo panino costituito da pane integrale (es. di farro o di segale ecc.) abbinato a del formaggio fresco oppure a qualche fetta di bresaola (o di prosciutto crudo, cotto, o fesa di tacchino). In alternativa va bene anche un pacchetto di crackers integrali non salati e un frutto di stagione di medie dimensioni. Anche pane e marmellata abbinati a un frutto e mandorle o noci se non ci sono problemi di sovrappeso. Si può variare anche in base a quelli che sono i propri gusti personali.

È importante, però, basarsi sui pasti e sugli alimenti previsti in una giornata tipo e l’orario in cui si è consumato l’ultimo pasto. In questo modo si piò variare, eventualmente, tutta la composizione e la distribuzione giornaliera dell’ alimentazione, per non rischiare di appesantire eccessivamente lo spuntino, che dovrebbe costituire circa il 15% delle calorie totali giornaliere assunte. Sconsiglierei l’uso degli integratori, salvo che non ci siano particolari carenze nutrizionali o prescrizioni mediche. 

Last Update: 22 Aprile 2020  

Eleonora Sarmi  Dubbi Sulla Dieta Melarossa

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Eleonora Sarmi

Eleonora Sarmi

Laureata in Scienze dell’alimentazione, sono esperta di sicurezza alimentare e nutrizione, con un focus specifico sull’aspetto medico. Ho diverse esperienze di intership come nutrizionista, in particolare presso il “Ruaraka Uhai Neema Hospital”, Nairobi (Kenya). Per Melarossa mi occupo soprattutto degli approfondimenti che riguardano gli alimenti.

Annuncio pubblicitario

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario