Annuncio pubblicitario

Dieta e noia. Cosa fare se non si perde più peso

All’interno di un percorso di dimagrimento lungo si possono affrontare, e anzi, sono pressoché fisiologici, dei momenti di stasi. Ovvero dei periodi in cui o il peso non scende momenti o in cui sembra di aver perso la motivazione. La cosa più importante è che non si trasformino in blocchi assoluti o vere e proprie ricadute. Il primo campanello di allarme è acquistare peso, perché se non viene perso subito si rischia di lasciarsi andare.

Credo sia il caso di dare una scossa al percorso: integrare ad esempio l’attività fisica, con una camminata di 30 minuti a passo spedito ogni giorno. Se invece si pratica già dell’attività fisica, aumentare il tempo o il numero di sedute.

In alternativa, possibilmente sotto controllo del nutrizionista, ridurre un po’ le calorie del piano nutrizionale. L’importante è non rinunciare all’attività fisica, perché grazie alla liberazione di endorfine, questa fornirà una scarica di ormoni del piacere che consentiranno di ritrovare la motivazione per portare a termine il percorso.

Last Update: 18 Aprile 2020  

Floriana Ventura

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Altri articoli

Annuncio pubblicitario
Floriana Ventura

Floriana Ventura

Psicologa clinica e psicoterapeuta, ho frequentato la scuola di specializzazione quadriennale conseguendo il titolo Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale. Mi occupo del benessere psicologico, di gestione del peso corporeo e degli ostacoli psicologici collegati ad esso, della sfera dei disturbi d’ansia e degli attacchi di panico, ma anche di problemi legati all’insonnia. Per Melarossa rispondo alle domande degli utenti nella sezione psicologia.

Annuncio pubblicitario

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Annuncio pubblicitario