Giada, un’app a sostegno delle persone che soffrono di depressione, dei loro familiari e dei medici che le curano

Si chiama Giada ed è un’app pensata per dare sostegno alle persone che soffrono di depressione, ai medici che le curano e ai loro familiari, affiancandoli in un percorso complesso, che spesso porta con sé un senso di solitudine e disorientamento.

Un aiuto arriva da Giada, app realizzata da Edra con il supporto di Lundbeck Italia e sviluppata con la consulenza di un gruppo di esperti delle principali società scientifiche di psichiatria. Giada nasce per sostenere pazienti, famiglie e specialisti, accompagnandoli nel percorso di cura e aiutandoli a monitorare l’andamento della terapia per favorire, così, il raggiungimento degli obiettivi terapeutici stabiliti.

Un’app per monitorare l’umore

Grazie a Giada, il paziente ha la possibilità di descrivere il suo umore, attraverso una valutazione personale o un questionario di auto-valutazione. Questo gli permette di monitorarne l’evoluzione nel tempo e di condividere queste informazioni con lo specialista che lo segue. In questo senso, Giada rappresenta anche un supporto per il medico, che può contare su uno strumento di aggiornamento e monitoraggio degli esiti del trattamento, oltre che dell’aderenza del paziente al percorso, fattore essenziale per la sua riuscita.

Quale farmaco prendere e quando? Te lo ricorda Giada

L’app ricorda al paziente quale farmaco assumere, in quale dose e quando. Con Giada, anche i familiari e il medico possono controllare che il paziente stia seguendo la terapia. Una funzione molto importante, perché, dai dati dell’Osservatorio Nazionale sull’Impiego dei Medicinali, emerge che metà delle persone che iniziano un trattamento psicofarmacologico lo interrompe autonomamente dopo appena tre mesi. Una decisione che spesso dipende dal fatto che la terapia inizia a dare i suoi effetti, il paziente sta meglio e, quindi, valuta di non avere più bisogno di cure farmacologiche.

giada app sostegno depressione

Giada per motivare il paziente

Giada aiuta anche il paziente a registrare gli obiettivi stabiliti con il medico e a controllarne l’andamento. In questo senso, rappresenta un valido strumento per motivare il paziente a raggiungere nuovi traguardi.

Un’app dalla parte di familiari e caregiver

Giada è un’app pensata anche per affiancare familiari e caregiver. E’ infatti uno strumento che li aiuta ad affrontare insieme al loro caro il suo percorso di cura, ad essere costantemente aggiornati sul suo stato di salute e a verificare se sta seguendo la terapia. L’app fornisce anche consigli utili sulla depressione e offre testimonianze di altri familiari e caregiver che stanno vivendo una situazione simile. I loro racconti rappresentano una fonte di sostegno per le persone che condividono con un familiare l’esperienza della depressione, un modo per sentirsi meno soli.

Se vuoi maggiori informazioni su questa app, clicca sul sito dedicato a Giada. Troverai anche dei videotutorial che spiegano come l’app può aiutare il paziente, il medico, il familiare ad affrontare il percorso di cura della depressione.

Puoi scaricare l’app sul’App Store o su Google Play digitando “Giada accanto a te”.

Tiziana Landi

Tiziana Landi

Laureata in Scienze della Comunicazione, sono una giornalista specializzata in produzione di contenuti sui media digitali e tradizionali, content e social media marketing. Sono esperta di cucina light e alimentazione sana e all'interno di Melarossa mi occupo soprattutto di pianificazione editoriale e coordinamento redazionale.

Related Posts