Polpette di soia fatte in casa: la ricetta base e la variante con le zucchine

Le polpette di soia sono il piatto da provare se sei vegetariano, vuoi ridurre il consumo di carne o semplicemente ti va di sperimentare nuove ricette per variare la tua dieta.

Con tante proteine vegetali e pochi grassi, sono gustose e velocissime da preparare, ottime da mangiare a casa o da portare con te in ufficio per la pausa pranzo. Sono buonissime anche fredde e ti basta abbinarle a un’insalata o un contorno di verdure e a una fonte di carboidrati, come pane o riso, per avere un pasto completo, nutriente e sfizioso.

Ormai, in commercio si trovano tantissime polpette di soia pronte, sia fresche che surgelate, ma farle a casa ha i suoi vantaggi: ti permette di spendere meno, di evitare additivi e aromi che in genere sono presenti in un prodotto confezionato e anche di portare in tavola delle polpette dal gusto più naturale e genuino.

Prepararle, poi, è così facile che davvero non ci sono motivi per non provare. Ecco la nostra ricetta base e una variante arricchita con le zucchine.

Polpette di soia fai da te: la ricetta

Per preparare le polpette di soia hai bisogno dei fiocchi di soia disidratati o del granulare di soia, che puoi trovare sia al supermercato che nei negozi specializzati in prodotti biologici. Ti basta mettere a mollo la soia disidratata in acqua bollente per 10 minuti, scolarla e strizzarla bene: a quel punto, è pronta per essere usata. In media, 70 g di fiocchi o granulare di soia sono sufficienti per una decina di polpette di soia di medie dimensioni. Ecco la ricetta base.

Polpette di soia granulare

Ingredienti per 10 polpette di soia

  • 70 g di fiocchi di soia disidratati o granulare di soia
  • uno spicchio di cipolla
  • 1 carota
  • una patata
  • 1 cucchiaio e ½ di olio extravergine d’oliva
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • noce moscata q.b.

Preparazione

Lessa la patata con la buccia, falla raffreddare, sbucciala, mettila in una ciotola e schiacciala con una forchetta: ti servirà a legare l’impasto delle polpette.

Metti a mollo i fiocchi di soia (o il granulare) in acqua bollente per 10 minuti, poi scolali in uno scolapasta, falli raffreddare, strizzali bene e versali nella ciotola con la patata.

In una padella, versa mezzo cucchiaio di olio, la cipolla tritata e la carota, lavata, pelata e tagliata a pezzetti: falle saltare per qualche minuto per insaporirle.

Quando sono fredde, versale nella ciotola con il resto dell’impasto. Aggiungi sale, pepe e noce moscata e mescola bene con una forchetta. Preriscalda il forno a 180°.

Con le mani, ricava dall’impasto delle polpette, schiacciale leggermente e disponile su una teglia foderata di carta forno e oleata con mezzo cucchiaio d’olio. Cospargile con il restante mezzo cucchiaio d’olio e inforna per 15 minuti finché non saranno dorate sulla superficie. Se lo preferisci, cuocile in padella con un cucchiaio d’olio, facendole dorare per pochi minuti per parte.

Il consiglio in più: puoi sostituire la patata con un albume d’uovo, aggiungendo qualche cucchiaio di pangrattato per dare consistenza all’impasto se fosse troppo morbido.

Polpette di soia fatte in casa: la variante con le zucchine

La procedura per preparare le polpette di soia con le zucchine è la stessa della ricetta base: devi solo aggiungere all’impasto 2 zucchine, lavate e grattugiate, che puoi far saltare in padella insieme a cipolla e carote per una decina di minuti. Per questa ricetta, puoi ridurre a 50 g la quantità di fiocchi o granulare di soia che utilizzi.

Con la stessa logica, puoi divertirti a personalizzare le tue polpette di soia come preferisci, abbinandole alle verdure di stagione che più ti piacciono o ai legumi: spinaci, zucca, melanzane, broccoli, piselli, peperoni o verdure miste.

Tiziana Landi

Tiziana Landi

Laureata in Scienze della Comunicazione, sono una giornalista specializzata in produzione di contenuti sui media digitali e tradizionali, content e social media marketing. Sono esperta di cucina light e alimentazione sana e all'interno di Melarossa mi occupo soprattutto di pianificazione editoriale e coordinamento redazionale.

Related Posts