Home Nutrizione Cibo e Salute Consigli per mantenere il cervello in salute

Consigli per mantenere il cervello in salute

CONDIVIDI
consigli per mantenere il cervello in salute

Il cervello è la cabina di controllo del tuo corpo e la tua salute va preservata il più possibile per vivere una vita appagante. Secondo la scienza, il miglior antidoto per contrastare efficacemente l‘invecchiamento cerebrale consiste nell’avere una vita attiva sia intellettualmente sia fisicamente, ovviamente mangiando in modo sano e dormendo/riposando bene e a sufficienza. Il tuo cervello, se tenuto attivo e stimolato, si sviluppa lungo tutta la vita. Anche da adulta, più lo eserciti e migliori saranno le sue prestazioni. Ecco come mantenere il cervello sano e giovane.

come non far invecchiare il tuo cervello

Come non far invecchiare il cervello?

Ci sono diversi comportamenti che puoi adottare per mantenere il tuo cervello giovane. Lo stile di vita e le abitudini quotidiane possono fare la differenza e permetterti di invecchiare conservando intatte le funzioni cognitive. Alcune occupazioni ed alcuni esercizi per mantenere il cervello giovane si possono rivelare estremamente utili: imparare a suonare uno strumento musicale, imparare una nuova lingua, leggere tanti libri con attenzione, socializzare e incontrare gli amici. E poi… ridere: le risate e un atteggiamento ottimistico verso la vita sono positivi per il cervello. Ci sono anche dei giochi per mantenere allenato il cervello. Eccone uno. Se sei mancina, prova ad usare la mano destra (o viceversa) per svolgere tutte le azioni quotidiane, come lavarsi i denti o usare la forchetta. Fallo una volta a settimana, per tutto il giorno. È un ottimo esercizio per allenare la mente!

Le abitudini da evitare

Al contrario, ci sono alcune cattive abitudini da evitare per tutelare il cervello. Di certo è importante non eccedere con gli alcolici (oltre ovviamente, a non fare uso di droghe). Anche lo stress è nemico del cervello: ritagliati un momento della giornata per rilassarti e anche il cervello ti ringrazierà. E mangia bene. Una dieta sana ed equilibrata è il segreto, anche in questo caso, perché il legame tra alimentazione, cervello e sistema nervoso è molto stretto.

alimenti che fanno bene al cervello

Gli alimenti che fanno bene al cervello

Vuoi sapere come mantenere in forma il cervello in modo naturale? Concentrati su due gruppi di alimenti.

  1.  Gli omega 3 fanno parte degli acidi grassi polinsaturi, quelli buoni; aiutano a mantenere l’integrità delle membrane cellulari e, quindi, a preservare il cervello. Porta in tavola pesce azzurro, frutta secca, semi oleosi (come quelli di girasole e di lino), verdure a foglia larga e verde, avocado.
  2. Gli antiossidanti sono sostanze che facilitano lo smaltimento dei radicali liberi che, se in eccesso, danneggiano i neuroni. Ci sono polifenoli e flavonoidi (contenuti, per esempio, in frutti rossi e tè verde ), i carotenoidi (come il licopene dei pomodori e il betacarotene delle carote), il sulforafano (contenuto soprattutto in cavoli e broccoli). Ma ci sono anche le vitamine utili per il cervello, come la vitamine C (la trovi soprattutto negli agrumi) e la vitamina E ( ad esempio, nell’olio extravergine di oliva).

Un organo delicato, preservalo con attenzione!

Mantenere il cervello sano e attivo fino alla vecchiaia è l’aspirazione di tutti. Però, prima ancora di prevenire il declino cognitivo, è importante preservare questo organo così delicato da traumi ed incidenti, e sapere cosa fare all’occorrenza. Per esempio, è fondamentale sapere come agire in caso di colpo alla testa. Può capitare spesso nel corso della vita, soprattutto ai più piccoli. La prima cosa da fare è capire quale specifica parte della testa è stata colpita. Se il malcapitato ha perso conoscenza, o anche se appare confuso, bisogna immediatamente chiamare i soccorsi. Altra cosa da fare subito è osservare se si presentano vomito o vertigini, e controllare il diametro delle pupille e la reattività alla luce. Negli anziani bisogna stare attenti anche nell’arco delle 2/3 settimane successive, verificando se presentino problemi di memoria, disturbi nel camminare, confusione mentale.

 

Commenti
CONDIVIDI