Viaggi e assaggi: il Delta del Po

Un viaggio che attraversa il Delta del Po. Tra frutti di mare e vecchie idrovore, le suggestioni di un territorio che è stato scenario di molti film italiani.

Alla scoperta del Delta del Po

È meno visitato di quanto meriterebbe, il Delta del Po. Eppure non può non essere entrato nell’immaginario di tanti italiani, essendo stato lo scenario affascinante di film di Visconti, Rossellini, Antonioni, Montaldo, Avati e, più recentemente, di Carlo Mazzacurati. Nella sia terra d’origine Mazzacurati ha girato spesso, dal film di esordio, Notte italiana del 1985, fino al più recente La giusta distanza.

Premesso che esistono una parte veneta e una emiliano-romagnola del Delta, questa volta vi presentiamo un itinerario che comincia in provincia di Rovigo, a precisamente ad Adria. Una cittadina molto interessante, che fu emporio commerciale dell’ambra ai tempi degli antichi greci, poi passò nel 1500 ai veneziani che avviarono la bonifica della valle polesana. Oggi è il vero capoluogo del Parco Regionale Veneto del Delta del Po.

Verso Adria, alla scoperta delle tradizioni locali

Ad Adria una sosta golosa si può fare al quasi centenario ristorante-albergo Molteni. Potrete gustare tanto pesce, dai crudi con mazzancolle, scampi, canocchie e capesante, al fritto di moeche e verdure su polenta al cucchiaio. M anche piatti di terra come la padellata di funghi su polenta al cucchiaio e formaggio ubriaco.

Poi ci si mette in movimento e ci si inoltra lungo lingue di terra delimitate dai canali del Delta. Da qui si giunge al ponte di barche di Santa Giulia, dove ha inizio il giro con i pescatori. È  emozionante, oltre che interessante, assistere alla pesca delle cozze, vera specialità del luogo. Ed è elettrizzante cercare di avvistare l’avifauna del luogo: in particolare i bellissimi aironi cenerini, potenti predatori dal grande becco giallo-grigio-brunastro.

Ma il Delta del Po non è solo acqua, è anche il prodotto di secoli dell’opera dell’uomo e del difficile confronto con una natura non sempre benigna. Se volete avere un’idea panoramica della storia di questo pezzo d’Italia, andate al Museo Regionale della Bonifica a Taglio di Po, ospitato a Ca’ Vendramin, imponente edificio dei primi del ‘900, vero gioiello di archeologia industriale. Qui potrete vedere una grande idrovora che circa un secolo fa consentì condizioni migliori di vita e lavoro ai residenti del posto; non potrete comunque non avvistare l’altissima ciminiera che si staglia nel cielo, landmark indiscusso di questo territorio.

La gastronomia del Delta del Po

Naturalmente non mancano tradizioni gastronomiche antiche e gustose. All’Osteria Arcadia a Santa Giulia di Porto Tolle sarete accolti in un’atmosfera familiare, ma sarete anche travolti da piatti a base di pesce e cacciagione locali, veramente strepitosi. Oltre alla cosiddetta cozzeria, a me è piaciuta moltissimo l’anguilla del Delta, che potete gustare in umido, alla griglia o fritta. Ottimi anche la polenta bianca abbrustolita e il dolce (m’giassa, con impasto alla zucca) tipico del luogo. Insomma, natura, storia, gastronomia: c’è proprio tutto per organizzare un bel weekend.

Commenti
Luisa Sodano

Luisa Sodano

Medico, esperta di viaggi e cibo, con focus gli aspetti culturali e gastronomici. Collaboro con Melarossa per la rubrica "Viaggi e Assaggi".