La tua dieta non funziona? Forse non è quella giusta per te!

Perché le diete funzionano per alcuni e per altri no? È una vecchia questione, ma forse un nuovo studio sui gemelli ha trovato la risposta definitiva.

Portato avanti dal King’s College di Londra, il Massachusetts General Hospital e la Stanford Universitye costato 21 milioni di sterline, lo studio suggerisce che il problema di tutte le diete è lo stesso.

Tagliano grassi, carboidrati e calorie. Ma sono destinate a fallire perché si basano sull’apporto calorico di “persona media” che non esiste. E poi non tengono conto dello stile di vita, diverso da persona a persona.

Com rivelano i ricercatori, diretti da Tim Spector, professore di epidemiologia genetica al King’s College e specialista in dieta e microbioma, grassi e zuccheri hanno effetti diretti diversi per tutti.

Il che spiegherebbe perché qualcuno può mangiare senza ingrassare, mentre qualcun altro prendepeso con estrema facilità.

“I nostri risultati – dice il professor Spector – suggeriscono che l’apporto calorico è una misura ampiamente sopravvalutata per l’aumento di peso. Non è utile in alcun senso pratico poiché le persone rispondono in modo diverso ai cibi con lo stesso numero di calorie.


L’analisi

Lo studio, chiamato “Predict 1“, ha preso in esame 1.100 partecipanti, principalmente gemelli identici.

I ricercatori li hanno sottoposti a misurazioni dettagliate e test intensivi per un giorno intero. Dopo una notte di digiuno, hanno dato a tutti gli stessi alimenti e hanno monitorato i livelli di glucosio nel sangue, i cambiamenti nei livelli di grasso e i dati di massa muscolare e insulina.

Hanno quindi usato i test delle feci per verificare il numero di ceppi batterici dell’intestino. Quindi hanno fornito questionari per i tempi dei pasti e i tempi dello sport. Una volta tornati a casa i partecipanti hanno seguito un’alimentazione varia e hanno monitorato il glucosio e i grassi per alcune settimane.

I risultati dello studio

Dai risultati è emerso che le risposte degli individui agli stessi cibi sono uniche. Anche nel caso dei gemelli, nonostante condividano gli stessi geni.

I gemelli che mangiano gli stessi pasti potrebbero avere risposte abbastanza diverse – spiega la dottoressa
Sarah Berry, professore associato di scienze nutrizionali al King’s College – si potrebbe avere una quantità dieci volte maggiore di glucosio o di grasso nel sangue dopo il pasto rispetto agli altri, aumentando il rischio di aumento di peso o di malattie cardiache.

Secondo gli studiosi, ciò sarebbe dovuto ad alcuni fattori del proprio stile di vita, come il modo in cui si dorme o ci si allena, che influenzano la risposta al cibo. Modificando questi fattori, anche la risposta al cibo può essere migliorata.

I dati emersi dall’indagine sono ancora in fase di analisi. Ma sembra che i risultati siano già destinati a cambiare i consigli nutrizionali tradizionali, che dovranno essere personalizzati per ogni singolo individuo.

Per esempio, la colazione non sarà più il pasto più importante della giornata per tutti. E, no, non è vero che i cibi ricchi di zuccheri fanno male a chiunque.

Questo è uno studio che potrebbe cambiare il modo in cui viene condotta la ricerca nutrizionale – conclude la dottoressa Berry – c’è così tanto disaccordo sul mangiare sano perché la ricerca nutrizionale non è accurata.

L’idea, quindi, è che tutti dovremmo avere una consulenza dietetica personalizzata. Perché una volta che sai come reagisce il tuo corpo ai diversi alimenti, puoi apportare delle modifiche per evitarne alcuni e approfittare degli altri.

Fonte: Daily Mail

Rimani aggiornato sulle novità di Melarossa.it

Related Posts