CONDIVIDI

La vellutata di cavolfiore è un primo piatto veloce da preparare e facile da digerire. Una morbida crema da fare con una base di patate, porri, brodo vegetale e cavolfiore, che dà il sapore al piatto. Ideale per l'inverno, per scaldare l'animo e lo stomaco, ma senza grassi.

Per renderla ancora più saporita aggiungi dello speck tagliato a dadini e fatto rosolare brevemente in padella. Prepara la vellutata di cavolfiore con un po' di anticipo, perché il tempo di riposo la rende ancora più densa e saporita.

Dal punto di vista nutrizionale si tratta di un piatto completo e bilanciato: gli amidi delle patate, una piccola quota di proteine grazie allo speck e i tanti benefici nutrizionali del cavolfiore che, spiega Luca Piretta, medico nutrizionista, "è una verdura molto interessante perché apporta composti solforati che sono risultati essere molto utili nella prevenzione del tumore della prostata. Attenzione solo per le persone che soffrono di tiroide, che possono avere dei problemi di interferenza con l'utilizzo e l'assorbimento dello iodio, perché il cavolfiore contiene sostanze, chiamate goitrine, che alterano questo metabolismo".

Il video della vellutata di cavolfiore

Ingredienti

  • cavolfiore
  • un porro
  • brodo vegetale preparato con sedano, carota, cipolla, prezzemolo
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe
  • speck

Preparazione

Pulisci e lava il cavolfiore, taglialo in modo grossolano, sbuccia le patate e tagliale a cubetti.

Sciacqua il porro, asciugalo, affettalo e fallo rosolare in padella con l'olio extravergine di oliva.

Aggiungi le patate e il cavolfiore, copri con il brodo, chiudi la padella con il coperchio e porta a cottura (sarà pronto quando il cavolo e le patate inizieranno a disfarsi). Regola di sale e pepe, riduci in crema con il mixer ad immersione (se serve aggiungi ancora un po' di brodo).

Taglia a cubetti lo speck e tostalo in padella senza l'aggiunta di grassi.

Servi la vellutata in ciotole singole, aggiungendo un filo di olio extravergine di oliva e lo speck.

Commenti