CONDIVIDI

E' forse il piatto più caratteristico della cucina orientale: il pollo alle mandorle è di solito il primo piatto che si assaggia al ristorante cinese. Ed è facile che entri nel cuore per il gusto aromatico e avvolgente, che non è difficile da far rivivere anche nella cucina di casa. Per renderlo più fresco puoi completarlo con un mix di verdurine tagliare sottili, che portano leggerezza, ma anche vitamine e minerali importanti per la salute. La crudaiola di verdure incornicia il piatto dal punto di vista 'estetico' e del gusto, regalando note di leggerezza particolarmente gradevoli quando fa caldo.

Valori nutrizionali del pollo alle mandorle

Il pollo alle mandorle è un secondo piatto proteico ed energetico, grazie ai sali minerali presenti sia nel pollo che nelle mandorle. Il pollo è ricco di proteine nobili che non si corrompono con la cottura e sono da preferire a quelle della carne rossa, circondate da grassi. Anche nel pollo ce ne sono, ma decisamente meno e tutti concentrati nella pelle, per cui basta toglierla, anche se è gustosa e abbrustolita, per mangiare con leggerezza e prendere solo il buono della carne di pollo.

Le mandorle, dal canto loro, sono ricche di ferro e magnesio, infatti vengono spesso consigliate alle donne durante la gravidanza e in caso di anemia. Il magnesio, in particolare, aiuta il sistema nervoso e muscolare, e allontana il rischio dei crampi alle gambe, che sono molto dolorosi soprattutto quando si presentano di notte.

Altri sali minerali arrivano dalle verdure, delle piccole miniere di vitamine e minerali. L'azione diuretica, rinfrescante e depurativa è quindi assicurata, con pochissime calorie, grazie alle verdure amare che sono per loro stessa natura disintossicanti.

Consigli per la cottura

Il pollo alle mandorle dovrebbe essere cotto nel wok. In questo modo acquisisce la particolare consistenza che lo contraddistingue, morbido dentro e leggermente croccante fuori. Se non hai il wok puoi cuocerlo al vapore o in una padella antiaderente senza esagerare con l'olio per non appesantire il piatto. Per tostare le mandorle invece va bene sia un padellino che il forno, per 2-3 minuti in modo che non diventino troppo secche.

Ingredienti per 4 persone:

Difficoltà: facile
Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 20 minuti
Calorie: 182 per 100 gr

  • 1 petto di pollo
  • 3 cucchiai di farina di riso
  • 3 cucchiai di olio di semi
  • ½ porro
  • 80 gr. di mandorle senza pelle
  • 4 ravanelli
  • 2 coste di cardi
  • 1 carota
  • qualche foglia di cavolo cappuccio rosso
  • 4 cucchiai di salsa di soia
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 bicchieri d'acqua

Preparazione

Nel mixer trita tutte le verdure pelate, lavate ed asciugate. Metti il composto in un recipiente e condisci con 2 cucchiai di olio e 2 di soia. Mescola il tutto e riponi in frigo

Taglia il petto di pollo, togli tutti i filamenti, l'ossicino ed eventuale grasso residuo. Adesso riducilo in piccoli pezzi e passalo nella farina di riso. Fai andare l'olio di semi in una padella antiaderente grande o meglio in un Wok, aggiungi il porro a rondelle e fai stufare.

Aggiungi i tocchetti di pollo e fallo dorare. Aggiungi le mandorle leggermente tostate al forno o in padella antiaderente e fai insaporire per altri 5 minuti. Aggiungi l'acqua tiepida ed i  2 cucchiai di soia. Servi il pollo e a parte le verdure.

Si consiglia di congelare il petto di pollo prima di utilizzarlo, così, una volta scongelato, risulta più morbido. In questo modo il pollo alle mandorle sarà gustoso da mangiare anche in spiaggia o sul posto di lavoro.

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteMio figlio non vuole più fare sport!
Articolo successivoGli sport per assottigliare i polpacci
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.