CONDIVIDI

Tante proteine e pochi grassi per un piatto perfetto per i pranzi della domenica, ricco di vitamine e ferro

Ingredienti

Nella tua dieta personalizzata di Melarossa troverai le quantità degli ingredienti su misura per te.
Se non sei a dieta ma vuoi comunque mangiare sano, ecco le quantità medie per 4 persone:

  • gr. 480 di coniglio
  • gr. 600 di peperoni
  • 4 cucchiaini di olio
  • 1 cipolla
  • sale qb
  • pepe qb
  • farina qb
  • aceto qb

Preparazione

Taglia i peperoni a listarelle e infarina il coniglio.

In un tegame metti l'olio extravergine di oliva, la cipolla tagliata a fettine sottili e fai cuocere a fuoco vivace.

Aggiungi il coniglio infarinato e lascia cuocere per alcuni minuti.

In seguito aggiungi i peperoni, il sale, e l’aceto diluito con acqua.

Quando inizia ad evaporare, aggiungi dell’acqua, continuando a girare, copri il tegame e fai cuocere a fuoco alto per 30 minuti.

Servi con una spruzzatina di pepe.

Il nutrizionista consiglia

I peperoni sono molto importanti per nostra salute, perché contengono due vitamine essenziali, una è la vitamina C, molto utile per la crescita del collagene e per la resistenza dei vasi sanguigni, l’altra è la vitamina A. In realtà nel peperone non c’è la vitamina A, ci sono i carotenoidi, che sono degli antiossidanti molto utili a proteggerci dai raggi solari e che vengono poi trasformati in vitamina A dal nostro fegato. A quel punto la vitamina A può agire e funziona nel migliorare notevolmente la visione notturna e nel riparare i tessuti della pelle e delle mucose danneggiati.

La carne di coniglio è molto utile per la nostra alimentazione salutare perchè contiene un'elevata quantità di proteine, che raggiunge di solito il 20%, accompagnata da una scarsa quantità di grassi, che non supera il 4%. Inoltre contiene un'elevata quantità di vitamina B12, molto utile per la crescita delle cellule, che non si trova in nessun alimento di origine vegetale. La quantità di ferro è importante ed è uguale alla carne rossa.

Luca Piretta, SISA – Società Italiana di Scienza dell'Alimentazione

Commenti