Home Nutrizione Mangiar sano I consigli di Melarossa per scegliere il paté

I consigli di Melarossa per scegliere il paté

CONDIVIDI
i consigli per scegliere il paté

Il patè è ottimo da degustare con del pane integrale tostato o per condire la pasta, ma ricorda di sceglierlo light e con ingredienti semplici e genuini. Puoi prepararlo in casa frullando o pestando le verdure, ma anche il pesce o la carne.

 

La maggior parte delle persone preferisce acquistare il paté già pronto in vasetto, per non rinunciare alla comodità di un prodotto già pronto, ma nonostante questo ti diamo dei consigli per il scegliere il prodotto più genuino sullo scaffale del supermercato.

Ecco cosa guardare in etichetta, prendendo in considerazione un classico paté di carciofi: accertati che sia preparato con olio extravergine di oliva e non con olio di semi, il prodotto sarà migliore non solo dal punto di vista organolettico, ma anche dei benefici per la salute. Preferisci i prodotti in cui l'ingrediente "sale" sia agli ultimi posti. Gli aromi, poi, devono essere naturali: se leggi soltanto la scritta "aromi", si tratta di sostanza sintetiche. Attenzione anche al prezzo, che per questo prodotto è un indice importante di qualità: in genere i paté che costano meno possono contenere anche antiossidanti (solfiti), glutammato monosodico, addensanti o zucchero.

Un buon paté puoi individuarlo anche a vista: sempre considerando un semplice paté di carciofi, verifica innanzitutto il colore: se è troppo chiaro, quasi bianco, vuol dire che probabilmente il produttore ha utilizzato delle parti di scarto dell'ortaggio (come le foglie più verdi e dure) trattandole con la soda per ammorbidirle. Il risultato è che diventano anche molto chiare. E poi controlla anche, guardando all'interno del vasetto, che il prodotto non sia troppo acquoso: del resto anche il peso dell'acqua incide sul prezzo finale!

Qualche consiglio di conservazione: se avanza un po' di prodotto, pulisci per bene le pareti interne del vasetto con un pezzo di carta da cucina, schiaccia leggermente il paté avanzato per livellarlo e ricoprilo di olio extravergine di oliva. Mettilo in frigorifero e consumalo entro 3 o 4 giorni al massimo.

Se ti è venuta voglia di patè ai carciofi leggi subito la ricetta light di Melarossa dal blog "La via delle spezie", sazierai il palato con un prodotto light, genuino, preparato con ingredienti semplicissimi.

Claudia Manari

Commenti