Home Nutrizione Scrivi al nutrizionista Sgarro e mi sento in colpa

Sgarro e mi sento in colpa

CONDIVIDI

salve innanzitutto..da luglio scorso seguo la vostra dieta e posso dire con gioia che ho perso 11 kg(più di quanto mi fossi prefissata).Sabato il mio peso era di, a metà mattina 50.5/6 circa..sino ai 50.8/9..la sera sono uscita e ho mangiato la pizza come da dieta per un totale il giorno dopo di 4-5 etti in più…il pranzo della domenica possiamo dire sia stato “deleterio” …come tutte le domeniche mi sono portata da mio padre i miei alimenti, pesati e cotti come prevede la dieta…solo che mi son lasciata tentare da qualche pezzo di carne che era a tavola,,un pò di vino e per finire..una quantità che non ricordo di frittelle di riso con uvetta e normali..e…pure un pò di grappa al cioccolato dopo il caffè… stamani il mio peso era prima di colazione 51.8….dopo il succo il caffè e il pane 52.00//1. so bene che uno sgarro, se si riprende la corretta dieta ipocalorica non pesa ma anche l’altra settimana ho “evaso” con un pò di cassata fatta in casa e un pò di nutella..posso stare tranquilla sia solo ritenzione?? non vorrei aver vanificato i miei sforzi per una “debolezza”. grazie e complimenti per il servizio! Veronica

 

Risposta

 

Cara Veronica, in genere variazioni di peso repentine sono dovute più alla ritenzione idrica che all’effettivo deposito di massa grassa. È normale ogni tanto concedersi degli strappi che, se inseriti in una alimentazione sana ed equilibrata, non provocano troppi danni. Tu stai avendo buoni risultati dalla dieta (complimenti!) e probabilmente hai capito bene come mangiare, continua così, tenendo sotto controllo il peso nel medio-lungo periodo. Non definire “debolezze” le volte in cui ti concedi una golosità: un buon rapporto col cibo prevede anche appagamento e soddisfazione quindi cerca di mangiare i cibi che ami con serenità, sapendo che devi contenere le porzioni e la frequenza, ma senza vivere con i sensi di colpa.
Lo staff di Melarossa, la tua dieta gratis

Commenti
CONDIVIDI
Articolo precedenteDisturbi del comportamento alimentare
Articolo successivoCome rendere i peperoni più digeribili!
Sono la curatrice del sito di cui mi occupo da quando è stato creato e poi registrato come testata nel 2002. Supporto la redazione per la stesura dei contenuti, soprattutto nelle categorie dieta e nutrizione, e in particolare mi interfaccio con il team di esperti nutrizionisti per le risposte ai dubbi degli utenti.