Home Nutrizione Scrivi al nutrizionista Consiglio a nutrizionista e psicologa

Consiglio a nutrizionista e psicologa

CONDIVIDI

Buongiorno al nustrizionista e alla spicologa! mi chiamo Anna e ho 50 anni e sono in sovrappeso di 10 kg.! vi chiedo di aiutarmi a risolvere il mio problema. durante il giorno seguo una buona alimentazione , colazione spuntino pranzo spuntino e cena. il problema è il dopo cena. essendo stanca, annoiata, ansiosa e fragile…. cado nei tipici spulicchiamenti serali: es.un grissino..poi un cioccolatino..poi, una galletta..poi una mela… è diventata una “brutta” abitudine. vorrei distrarmi con altre belle cose, tipo la telefonata amica la crema…altre coccole…ma la stanchezza mi rende pigrissima da “cadere”  nel cibo. aiutatemi… un caro Saluto Anna

 

Risposta

 

Cara Anna, nella tua domanda ci sono tutte le risposte che cerchi. Sai che cercare consolazione nel cibo è sbagliato eppure non riesci a farne a meno e ti trinceri dietro la “stanchezza”. Sicuramente è vero che hai delle giornate pesanti e arrivi alla sera stanca ma, proprio in quel momento, quando sei priva dei tanti impegni che ti “stancano” diventi più fragile e riversi la tua insoddisfazione sul cibo. Il cibo è gioia e convivialità, non c’è niente di male nel mangiare un cioccolatino una volta ogni tanto, ma non è un rifugio per altri problemi. E, soprattutto se devi dimagrire, devi essere consapevole che anche la dieta è un “impegno” che va rispettato. Puoi sicuramente reagire ai momenti di apatia che ti portano a mangiare senza fame: non ti scoraggiare!
Lo staff di Melarossa, la tua dieta gratis

Commenti
CONDIVIDI
Sono la curatrice del sito di cui mi occupo da quando è stato creato e poi registrato come testata nel 2002. Supporto la redazione per la stesura dei contenuti, soprattutto nelle categorie dieta e nutrizione, e in particolare mi interfaccio con il team di esperti nutrizionisti per le risposte ai dubbi degli utenti.