Home Nutrizione Scrivi al nutrizionista Ciclo molto irregolare

Ciclo molto irregolare

CONDIVIDI

Scrivo per chiederle un parere su un mio problema. Da un anno soffro di ciclo mestruale molto irregolare (ritardo di 2/3 mesi); sono state escluse dalla ginecologa cause gravi (ovaio policistico, disfunzioni della tiroide e dell'ipofisi, menopausa precoce...) e quindi ipotizza che questo problema sia dovuto a fattori ambientali e stress. I dosaggi ormonali evidenziano valori bassi in fase luteinica di estradiolo (pari a 40 su un intervallo compreso tra 55 e 214), progesterone (pari a 0,31 su un intervallo compreso tra 3,8 e 24) e LH basso ma nella norma 0,58 (compreso tra 0,5 e 16,9). E' possibile che sia causato dall'alimentazione? Sono normopeso (peso 50 kg, altezza 154 cm) e credo che la mia alimentazione sia corretta.  Esempio di una giornata tipo:
COLAZIONE Yogurt (125 g) + fiocchi d'avena (20 g)
SPUNTINO frutta + pain d'epices (una fetta) + cracker alla frutta (1 pezzo)
PRANZO pane integrale o pasta (80 g) + minestrone + olio + parmigiano
MERENDA yogurt greco o dessert vaniglia/cioccolato (150 g) + barretta ai cereali + muesli al cioccolato o Weetabix segale al cioccolato (30 g)
CENA 2 uova o pollo/pesce/carne rossa (250/300 g) + verdure (300 g) + olio + cracker di segale (20-30 g) [una volta a settimana mangio la pizza al taglio]
Soffro di stipsi e meteorismo quindi limito il consumo di riso e verdure crude perché peggiorano il problema. Consumo molta verdura, minestrone e preferisco i cibi integrali/segale. Devo mangiare un solo tipo di pietanza a pranzo perché mangio sul posto di lavoro (c'è un fornello piccolo in cui posso scaldare poche cose). La ringrazio in anticipo per la disponibilità e cortesia Cordiali Saluti, Silvia

Risposta

Cara Silvia, da quello che scrivi il tuo peso e alimentazione (varia ed equilibrata) sono perfetti quindi, dalle informazioni ricevute, si possono escludere cause alimentari per l’irregolarità mestruale, che, comunque, devi sempre tenere sotto controllo con l’aiuto della tua ginecologa. Se non lo hai già fatto possiamo suggerirti un consulto con un endocrinologo che potrebbe fare una diagnosi approfondita di supporto a quella della ginecologa. Continua con uno stile alimentare e di vita sano (fai attività fisica, cerca di limitare gli alcolici, evita il fumo, ecc) e limiterai al massimo possibili ulteriori disturbi. In bocca al lupo.
Lo staff di Melarossa, la tua dieta gratis

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteNon mangio per fame
Articolo successivoIntolleranza a lievito e frumento
Sono la curatrice del sito di cui mi occupo da quando è stato creato e poi registrato come testata nel 2002. Supporto la redazione per la stesura dei contenuti, soprattutto nelle categorie dieta e nutrizione, e in particolare mi interfaccio con il team di esperti nutrizionisti per le risposte ai dubbi degli utenti.