Home Nutrizione Cibo e Salute I cibi che aiutano a combattere il colesterolo

I cibi che aiutano a combattere il colesterolo

CONDIVIDI
colesterolo alto: i cibi per stare meglio

Il colesterolo alto è un vero pericolo per la nostra salute. E’ vero che il colesterolo è un grasso essenziale per il nostro organismo, ma se raggiunge livelli troppo alti può mettere seriamente a rischio la salute del nostro cuore. Per tenerlo sotto controllo è importante mangiare sano, perché un‘alimentazione scorretta è una delle principali cause del colesterolo alto.

Come proteggersi? Ci sono cibi che possono aiutarti a ridurlo, altri che invece devi assolutamente evitare se il tuo colesterolo è già sopra i livelli di guardia. Melarossa ha intervistato il dottor Luca Piretta per farti sapere un po’ di più sul colesterolo e capire come limitarne l’accumulo mangiando cibi sani.

Dott. Piretta, cos’è il colesterolo?
Il colesterolo è un tipo di grasso circolante nel sangue che diventa nocivo solo quando si trova in eccesso, altrimenti va considerato come una molecola utilissima alla salute. Dal colesterolo il nostro organismo produce sostanze necessarie alla vita, come il cortisone, gli ormoni sessuali, i sali biliari, la vitamina D! Non va dimenticato che sulla superficie di tutte le nostre cellule è presente una discreta quantità di colesterolo e che è essenziale per la vita stessa della cellula.

Quando allora diventa nocivo?
Quando nel sangue ne circola troppo! Questo può depositarsi sulle pareti delle arterie, dando origine a quel processo che tutti conosciamo e che si chiama arteriosclerosi. In pratica si producono delle lesioni (simili alle incrostazioni che si depositano nei tubi dell’acqua) che crescono sempre di più e che vanno ad accelerare il processo di invecchiamento cellulare. Se l’occlusione avviene improvvisamente, può dare origine alla trombosi, all’infarto o all’ictus.

Da dove viene il colesterolo?
Quello che troviamo nel sangue è l’unione di quello assunto con gli alimenti e di quello prodotto dal nostro organismo. Con l’alimentazione corretta possiamo controllare solo una parte del colesterolo circolante: può essere sufficiente una dieta adeguata per riportarlo a valori normali. In altri casi invece il paziente è geneticamente predisposto a produrne in eccesso e quindi l’alimentazione può non bastare. Soltanto in questi casi (a meno di trovarsi in presenza di situazioni rischiose come un infarto già avvenuto) si può ricorrere ad alcuni farmaci, ma solo su indicazione del proprio medico.

Quali alimenti è meglio evitare per il colesterolo alto?
In caso di colesterolo elevato dobbiamo evitare di consumare, in eccesso, tutti quegli alimenti che contengono molti grassi animali. Ad esempio i formaggi (soprattutto stagionati), il rosso d’uovo, il lardo, il burro, il grasso della carne rossa, del prosciutto e gli insaccati. Anche le fritture, perché l’eccesso di grassi saturi e di radicali liberi presenti nell’olio trattato ad alte temperature può favorirne l’aumento.

Quali altri consigli possono essere utili?
E’ importante abbassare tutti i fattori di rischio che possono contribuire al danno cardiovascolare. Smettere di fumare, fare attività fisica regolare senza strafare, ridurre il sovrappeso, controllare altre malattie coinvolte insieme al colesterolo nel rischio cardiovascolare, come il diabete e l’ipertensione.

Scopri i cibi che ti aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo

1 La fibra solubile

La cicoria e i carciofi abbassano il colesterolo grazie alla presenza delle fibre solubili che permettono di ridurre la sintesi del colesterolo endogeno. La fibra solubile è presente anche nelle mele, nelle arance, nell’aglio e nella cipolla.

2Gli alimenti integrali

Gli alimenti integrali (in particolare tutti i prodotti da forno come pane, pasta ecc.) grazie all’elevato contenuto di fibra insolubile, contribuiscono al minor assorbimento del colesterolo ingerito.

3 Verdure e frutta fresca

In generale tutte le verdure e la frutta fresca di stagione  aiutano a prevenire l’ossidazione del colesterolo depositato sulle arterie. Il merito è dei polifenoli e degli antiossidanti, che attenuano la sua azione nociva.

4La frutta secca

Le noci e le mandorle contengono abbondanti acidi grassi polinsaturi, omega3 e omega6, utili nel ridurre il colesterolo.

5Olio di oliva

L’olio di oliva, grazie alla presenza dell’acido oleico, fa diminuire il colesterolo cattivo e aumentare il colesterolo buono HDL. Inoltre è ricco di fitosteroli (presenti anche nella soia e nei suoi derivati) che riducono l’assorbimento del colesterolo a livello intestinale.

6Il pesce

Il pesce, in particolare quello azzurro e il tonno, grazie all’alto contenuto di omega 3 riduce la produzione endogena di colesterolo. Agisce inoltre come antitrombotico e antinfiammatorio, riducendo il rischio di infarto e di ictus.

7Il pomodoro

Il pomodoro contiene il licopene, che oltre ad essere un antiossidante, è indicato per far diminuire il colesterolo cattivo e aumentare quello buono HDL. Inoltre il licopene previene l’ossidazione della placca eventualmente presente sulle arterie impedendone la degenerazione pericolosa.

 

Commenti
CONDIVIDI
Articolo precedenteLa frutta di stagione a Dicembre
Articolo successivo#ricettasalvadieta: mandaci le tue ricette light di Natale
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.