Home Nutrizione Cibo e Salute Frutti rossi, alleati contro l'invecchiamento

Frutti rossi, alleati contro l'invecchiamento

CONDIVIDI
frutti rossi contro invecchiamento

I frutti rossi sono i frutti estivi per eccellenza; con i loro colori vivaci riempiono i banchi della frutta e già ti mettono allegria solo a guardarli. Anche il palato è conquistato da questi piccoli, deliziosi frutti: il loro sapore dolce, combinato con quel leggero retrogusto acidulo, li rende irresistibili e a volte è difficile fermarsi, ma non sentirti in colpa: mirtilli, fragole, lamponi, ribes e more sono un concentrato di gusto, ma anche di virtù terapeutiche!

Frutti rossi: quante proprietà!

Con un basso contenuto calorico (hanno una media di 50 calorie per 100 grammi), sono ricchi di fibre e minerali (sodio, ferro, silicio, magnesio, calcio e potassio) e garantiscono un notevole apporto vitaminico (A, B, C, E e K).

Aiutano a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo, hanno proprietà antinfiammatorie e antitumorali e migliorano l’elasticità dei vasi sanguigni e la circolazione, dandoci una mano ad evitare fastidiosi disturbi, come le gambe gonfie, che in estate tendono ad accentuarsi. Grazie alla presenza di carotenoidi svolgono una potente azione antiossidante, cioè ci danno una mano a mantenerci giovani! E allora scopriamone insieme tutte le virtù!

Scopri tutti i benefici dei frutti rossi! 

1Le fragole

Ricche di vitamine C, E, B e K, danno un discreto apporto di sali minerali: potassio, calcio, ferro, sodio, fosforo e magnesio. Come tutti i frutti rossi, vantano proprietà antiossidanti, depurative, battericide, diuretiche e lassative. Svolgono un’azione rigeneratrice delle cellule sanguigne e agiscono anche sul nostro umore, favorendo la produzione di serotonina e melatonina nel nostro corpo.

Inoltre, le fragole sono ricche di enzimi in grado di stimolare il metabolismo dei grassi e contengono tantissime fibre che accrescono il senso di sazietà, regolarizzano l'intestino e fanno assorbire meno grassi e meno zuccheri.

Cinque fragole contengono una quantità di vitamina C pari a quella di un'arancia.
Attenzione però: le fragole sono uno dei frutti che provocano maggiormente reazioni allergiche. Vanno inoltre assunte con cautela se si soffre di ulcera, gastrite e colite.

Calorie

Circa 40kcal ogni 100 grammi

Varietà

Esistono numerose varietà: unifere, che danno frutti grossi una volta e solo in autunno, e varietà rifiorenti che producono frutti più piccoli dalla primavera fino all'autunno.

Stagionalità

Si trovano da aprile a giugno. Le prime sono le fragoline di bosco.

2Le ciliegie

Questi frutti rossi sono ricchi di vitamine (soprattutto A e C) e di minerali, ferro, calcio, fosforo, potassio, magnesio. Sono dei potenti antiossidanti, aiutano infatti a rallentare l'ossidazione dei nostri tessuti e distruggere i radicali liberi in eccesso prevenendo i segni del tempo. Svolgono una funzione depurativa e disintossicante.

Le ciliegie, in particolare le visciole, sono degli ottimi antinfiammatori e aiutano le persone affette da dolori cronici, artrosi o osteoartrite. Uno studio dell'Università degli Studi di Medicina Integrativa del Michigan, afferma che le ciliegie possono offrire vantaggi come la riduzione dei fattori di rischio per le malattie cardiache e l’infiammazione.

Calorie

Circa 38kcal ogni 100 grammi

Varietà

Ne esistono diversi tipi, che si differenziano a seconda della grandezza, delle sfumature di rosso e arancio, della carnosità della polpa e della dolcezza del frutto. Le più diffuse sono: Durone della Marca, Bell'Italia, Bigarreau Napoleon, Del Monte,Malizia.

Stagionalità

La raccolta ha inizio dalla metà di maggio fino ai primi di luglio.

3I lamponi

Tra i frutti rossi sono senz’altro i più completi. Sono ricchi di vitamine (B1, B2, C ed E), sali minerali, fibre e acido folico. Hanno un effetto diuretico, antinfiammatorio, disintossicante e migliorano l’elasticità dei vasi sanguigni. La bassa percentuale di zuccheri in essi contenuti rendono i lamponi consigliati anche ai diabetici. L'infuso di foglie aiuta contro la diarrea. Grazie alla presenza di acido folico e vitamina P, i lamponi aiutano a tonificare i muscoli dell'utero e a migliorare le contrazioni.

Calorie

Circa 32kcal ogni 100 grammi

Varietà

Rosso e nero.

Stagionalità

La fioritura avviene tra maggio e giugno e la raccolta avviene tra luglio-agosto.

4I mirtilli

Contengono notevoli quantità di antociani, sostanze antibatteriche che combattono i segni dell’invecchiamento e curano le infezioni delle vie urinarie. Proteggono la retina e aiutano a mantenere l’elasticità della pelle. Sono ottimi alleati della salute dei denti, soprattutto durante la menopausa.
Secondo uno studio pubblicato sul Journal of the International Society of Sports Nutrition, dopo aver fatto sport è possibile favorire il recupero muscolare e recuperare le forze mangiando un po’ di mirtilli.

Calorie

Circa 45kcal ogni 100 grammi

Varietà

Il mirtillo nero: i frutti possono essere consumati freschi o trasformarli in conserva.
Il mirtillo rosso: questa varietà produce bacche rosse dal gusto amarognole, infatti si prestano meglio ad essere trasformate in marmellata anziché consumate fresche.

Stagionalità

Avviene tra l’estate e l’autunno, periodo in cui i frutti raggiungono la completa maturazione.

5Le more

Contengono potassio, manganese, vitamine C ed E. Aiutano a regolarizzare il ciclo mestruale, grazie alla presenza di acido acetilsalicilico che favorisce la fluidificazione del sangue.
Sono ricche di fibre, quindi un ottimo rimedio contro i problemi intestinali. Aiutano a mantenere bassi i livelli di omocisteina nel sangue, sostanza che, se elevata, è un fattore di rischio per la comparsa di malattie cardiovascolari. Facilitano lo smaltimento di acido urico, che causa infiammazioni articolari e reumatismi. Contengono acido folico (vitamina B9). Durante i primi mesi di gravidanza una carenza di questo acido aumenta il rischio di una malformazione del feto o di problemi di crescita del feto stesso.

Calorie

Circa 36kcal ogni 100 grammi

Varietà

Tayberry: nasce dall'innesto tra mora e lampone e ha frutti simili ai lamponi, dalla forma molto allungata.
Boysenberry: è un ibrido neozelandese. Pianta dai frutti scuri privi di quel retrogusto acidulo tipico delle more.

Stagionalità

Le troviamo tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno.

6I ribes

Ricchi di vitamina C (in particolar modo quelli neri), vantano una discreta quantità di ferro e potassio. Svolgono un’azione diuretica e antinfiammatoria (soprattutto delle vie urinarie), prevengono i reumatismi e aiutano a mantenere la pelle giovane ed elastica.
Gli acidi del suo succo favoriscono la stimolazione delle secrezioni gastriche dell'apparato digerente, contrastando così gli stati di inappetenza.

Calorie

Ribes neri: circa 46kcal ogni 100 gr
Ribes rossi: circa 48 kcal ogni100 gr

Varietà

Il ribes rosso, caratterizzato da bacche rosse, bianche o giallastre, ha un sapore acidognolo quindi è consigliato per la preparazione di confetture più che per il consumo diretto. Poi c'è il ribes nero, della famiglia delle Sassifragaceae e l'uva spina (Ribes uva crispa), della famiglia delle Grossulariaceae, dalle bacche giallo-verdastre o bianche.

Stagionalità

In primavera avviene la fioritura. La pianta produce piccoli fiori bianchi, che, all'inizio dell'estate, si trasformano in piccoli frutti rotondi, polposi e lucidi, dal sapore molto aromatico.

Commenti