Home Nutrizione Cibo e Salute I farmaci equivalenti sono uguali a quelli di marca?

I farmaci equivalenti sono uguali a quelli di marca?

CONDIVIDI
I farmaci equivalenti sono uguali a quelli di marca?

Con i farmaci cosiddetti equivalenti si dice che sia possibile risparmiare dal 20 al 50% rispetto all’acquisto di medicinali griffati. In sostanza, una famiglia media di quattro persone potrebbe, all’incirca, risparmiare oltre 100 euro in un anno. C’è chi vi ricorre e c’è chi, invece, non se la sente di abbandonare il farmaco di marca. Che differenza c’è tra un prodotto generico e uno “griffato”?

Il prodotto di marca è frutto della ricerca di una casa farmaceutica che ha brevettato il risultato dello studio utile a risolvere una patologia grazie a un principio attivo prodotto industrialmente; la copertura del brevetto dura in Italia circa diciotto anni dal momento del deposito, al fine di permettere alla casa produttrice di recuperare il denaro della ricerca.

I farmaci generici sono invece medicinali a base di uno o più principi attivi prodotti industrialmente non più coperti da brevetto e identificati dalla denominazione comune internazionale del principio attivo. Nel dettaglio il farmaco considerato bioequivalente, possiede la stessa composizione quali-quantitativa in principio attivo della specialità medicinale di riferimento, la stessa via di somministrazione e forma farmaceutica, le stesse indicazioni terapeutiche.

Tra l’altro i bioequivalenti sono sottoposti agli identici controlli e procedure di registrazione e vigilanza che l’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) riserva a tutte le specialità in commercio: insomma, l’industria farmaceutica che produce il generico, per ottenere l’autorizzazione all’immissione in commercio da parte dell’Aifa, deve presentare una documentazione che dimostri la bioequivalenza con la specialità corrispondente.

Ma allora, dov’è la differenza rispetto ai farmaci di marca? Sta negli eccipienti, sostanze inerti (che non interagiscono con il principio attivo) utilizzate durante il processo produttivo del farmaco: gli eccipienti possono essere presenti in maniera diversa nei due tipi di medicinali e richiedono cautela nell’uso da parte di alcune particolari categorie di pazienti. E’ dunque raccomandabile dare attenzione al foglio illustrativo composto dalle avvertenze.

Claudia Manari

Commenti