Home Nutrizione Alimenti dalla A alla Z Il pomodoro, l’anti-aging che fa bene a tutto

Il pomodoro, l’anti-aging che fa bene a tutto

CONDIVIDI
benefici e proprietà del pomodoro, alleato di bellezza

In tempi di globalizzazione spinta, appare come minimo fuori moda sottilizzare su origini e provenienze. Fa però un certo effetto pensare che uno dei simboli massimi della cucina made in Italy, il re degli orti mediterranei, sia in realtà al 100% americano. Proprio così. Il pomodoro non è un prodotto autoctono e arrivò in Italia dal Nuovo Mondo nel ’500. Colmo dei colmi, non fu immediatamente riconosciuto quale uno degli ingredienti top in cucina. Anzi, all’inizio la pianta di pomodoro troneggiava in giardini e orti botanici, con i suoi deliziosi frutti rossi solo come specie ornamentale.

Non si conosce il nome del genio che per primo scoprì quanto erano buone quelle bacche succose, ma ci pensate che senza di lui oggi forse saremmo una nazione senza pizza?

Una scoperta senza ritorno


E la pizza non è la sola prelibatezza della quale dovremmo fare a meno senza pomodoro. Passepartout delle cucine a tutte le gradazioni di calorie, il pomodoro – nelle sue moltissime e buonissime varietà – non è solo uno scrigno del gusto. In pochi grammi di prodotto racchiude un concentrato di proprietà e nutrienti che per qualsiasi chimico al mondo – Nobel compresi – è impossibile riprodurre in laboratorio. Per 100 gr di pomodoro ne contiamo 94 di acqua, 3,5 di carboidrati, 2 di fibre e con appena 19 kcal disponiamo di 297 mg di potassio, 0,3 mg di ferro, 610 mg di vitamina A, 25 mg di vitamina C, praticamente basta un pomodoro da 100 g per assumere quasi la metà di tutte le vitamine che occorrono nella giornata. Non è una bestemmia farne a meno?

Rosso passione… ma non solo

Il pomodoro ha tutti i super poteri dell’ortofrutta di colore rosso, come ci ricorda la campagna di promozione e di informazione di UNAPROA “Nutritevi dei colori della vita”. Pezzi da 90 del nostro ortaggio, che ne contiene in quantità, sono due fitocomposti con azione antiossidante: le antocianine e il licopene, responsabili del suo bel colorito. Poi, la ricchezza di acqua e potassio rendono l’ortaggio un reidratante e un remineralizzante perfetto in un morso solo. In estate non si può chiedere di più.

Amici per la pelle


Un concentrato di vitamine e proprietà benefiche per appena un pugnetto di calorie: si capisce perché i nutrizionisti lo ingaggiano nelle diete fino a sembrare noiosi. Non è colpa loro, è lui che è un soggetto perfetto. Le fibre lo rendono uno smorza-fame ideale, il suo apporto salino è un integratore di sali minerali 100% naturale, la molta acqua che contiene esercita una vera e propria azione depurante, con effetti diuretici, alcalinizzanti e astringenti.

Ma è il licopene il vero segreto di bellezza per la pelle: una buona dose di pomodoro quotidiano oggi, ti risparmia dal lifting domani, verrebbe persino da sbilanciarsi a mettere nero su bianco. Questo fitocomposto, infatti, svolge un’ottima protezione sull’epidermide, particolarmente esposta ai raggi diretti del sole durante la stagione estiva e previene l’invecchiamento cutaneo, impedendo ai radicali liberi di danneggiare le cellule.

E non è un toccasana solo per la pelle: una ricerca dell’Università del Kentucky (USA) rivela che è attivo anche su altri tessuti dell’organismo, aiutando a mantenere il giusto tono con l’avanzare dell’età. Non c’è che dire, se da domani sulle confezioni di pomodori troneggiasse la scritta “prodotto anti-age”, non sarebbe pubblicità ingannevole.

Impossibile farne a meno


Non ci si può rinunciare: sono troppe le sue proprietà benefiche e le ricette che questo pilastro della cucina mediterranea insaporisce e colora. Il pomodoro ama il sole e il caldo e la sua stagione è senza dubbio l’estate. Ormai, però, possiamo evitare di sentirci viziatissime principesse contro natura se ne mangiamo di fresco (per conserve e simili non serve dirlo, son fatti apposta per poterlo gustare tutto l’anno) in ognuno dei 12 mesi.

Il nostro è stato infatti fra i primi ortaggi che l’uomo, per averlo sempre a tavola, ha cercato di rendere disponibile tutto l’anno: così, se d’estate si coltiva in pieno campo a quasi tutte le latitudini, d’inverno basta usare le serre. La natura, però, difficilmente fa le cose a casaccio e in effetti il pomodoro – che proprio per i mesi caldi era originariamente stato programmato – non solo con l’arrivo dell’estate dà il meglio di sé per sapori e profumi, ma offre effetti positivi che sembrano un kit di salute e bellezza fatto apposta per questa stagione.

Pomodoro&love

Non è solo il suo colore a parlare di passione. Dopo essere stato apprezzato per la sua bellezza, il pomodoro nel passato era esaltato per le sue qualità afrodisiache. Di questa fama gli resta qualche appellativo: i francesi lo chiamano “pomme d’amour”,  “love apple” gli inglesi. Ma, leggende a parte, il pomodoro fa bene davvero al cuore.

Gli scienziati scozzesi del Rowett Research Institute hanno recentemente dimostrato che la preziosa gelatina gialla che avvolge i suoi semi ostacola la coagulazione delle piastrine del sangue ed è molto efficace nel prevenire e combattere i trombi, i coaguli di sangue responsabili di infarti e di ictus. Se crudo, poi, dà il meglio di sé.

Rimedi fai da te… provare per credere

L’ideale, anche parlando di bellezza, è indubbiamente mangiarlo, ma pure per “uso esterno” può regalare grandi soddisfazioni.
Non tutti sanno, per esempio, che uno dei rimedi più efficaci per le mani secche e screpolate si ottiene con una miscela fai da te semplicissima, naturalmente color rosso pomodoro: basta mescolare il succo di un pomodoro maturo a due/tre cucchiai di glicerina.

Se si massaggiano le mani con questo composto per tre o quattro minuti e si ripete l’operazione tutti i giorni mattina e sera per un paio di settimane, i risultati potrebbero essere quasi sorprendenti. Utilissimo, poi, tenere a mente che alcune fettine di pomodoro succose e sottili possono essere un validissimo aiuto sia per alleviare i dolori della pelle scottata dal sole, sia per lenire il prurito di un fastidioso pizzico di zanzara. D’estate questo segreto può essere quasi un salva-vita.

Bevi che ti passa


La commestibilità del pomodoro è sdoganata da secoli, grazie al cielo. Può esser utile però ripassare alcune accoppiate vincenti. Il pomodoro abbinato a un filo d’olio extravergine d’oliva, per esempio, è una autentica bomba nella prevenzione dell’invecchiamento dei tessuti: la vitamina E e i grassi insaturi dell’olio esaltano infatti il potere antiossidante tipico dell’ortaggio.

Ancora, pomodori crudi e formaggi si sposano alla perfezione, completandosi l’un l’altro sul piano nutrizionale. Una moda per ora non tanto frequentata ma che dovrebbe davvero prendere più piede è poi quella di berlo. Il succo di pomodoro, infatti, è un elisir di benessere tutto da scoprire. Fornisce appena 14 calorie ogni 100 g, aiuta a soddisfare il fabbisogno idrico dell’organismo e assicura un effetto rinfrescante e dissetante.

Gustato come antipasto o come aperitivo, aiuta a tenere sotto controllo gli stimoli della fame e predispone alla migliore digestione possibile e bevuto al mattino è moderatamente lassativo e allevia i disturbi renali legati ai calcoli. Quale che sia la ricetta, comunque, non passi per la testa a nessuno di scambiare il pomodoro per una comparsa nelle cucine. Lui è un autentico protagonista.

Isabella Quercia

Commenti