Home Nutrizione Alimenti dalla A alla Z Il basilico, una pianta indispensabile

Il basilico, una pianta indispensabile

CONDIVIDI
Proprietà e benefici del basilico

È la pianta aromatica che più di tutti fa pensare ai piatti italiani: senza il basilico, la pasta al pomodoro e la pizza margherita dovrebbero chiamarsi in un altro modo. Ma non è solo per il suo inconfondibile sapore, che ami tenere una piantina di basilico in terrazzo o sul davanzale della finestra: sono anche le sue proprietà benefiche a renderlo unico.

Il basilico è digestivo, antisettico e possiede persino delle proprietà antinfiammatorie: sembra sia utile, infatti, per combattere il mal di gola e calmare la tosse.
Il miglior modo per consumarlo, sia per apprezzarne al meglio l’aroma di cui sono ricchi i suoi oli essenziali, sia per assumerne tutte le proprietà nutritive, è crudo.

Puoi scegliere tra le due varietà principali:

  • il basilico genovese, dalle foglie piccole e di colore verde chiaro, con cui si ottiene il famoso pesto genovese e che ha ottenuto anche il riconoscimento DOP nel 2005
  • il basilico napoletano, dalle foglie grandi e meno lisce e dall’aroma più “forte”, meno delicato al palato

Come coltivarlo

Quando acquisti una piantina di basilico e la porti a casa, travasala in un vaso più grande (per far “respirare” meglio le radici) e posizionala rigorosamente a mezz’ombra: il sole diretto la farebbe seccare e morire. Innaffiala abbondantemente una volta al giorno (preferibilmente di sera), senza mai versare l’acqua direttamente sul fusto, ma soltanto alla base.

Quando stacchi le foglie per aromatizzare le tue ricette, concentrati su quelle piccoline in cima alla pianta, che sono le più saporite; inoltre, staccare le foglioline in cima, consentirà alla pianta di mantenere o riprendere vigore e volume. È importante anche staccare e tagliare le foglie soltanto con le mani: si dice, infatti, che le lame dei coltelli ne alterino il sapore.

Come conservarlo

Se vuoi sfruttare la piantina che hai acquistato per tutto l’anno, anche nei mesi invernali, puoi decidere di essiccarne le foglie, mettendole all’ombra in un luogo aerato e poi riponendole in barattoli di vetro. Tuttavia questo metodo fa perdere al prodotto gran parte del suo aroma. È meglio, quindi, congelare le foglie di basilico o anche metterle sott’olio in un barattolino di vetro a chiusura ermetica, che avrai precedentemente sterilizzato per qualche minuto in acqua bollente.

Claudia Manari

Commenti