Home Nutrizione Alimenti dalla A alla Z L’anguria, la tua miniera d’acqua

L’anguria, la tua miniera d’acqua

CONDIVIDI
anguria, fai il pieno di vitamine

Estate più calda del secolo? Non ti temo! Eh sì, basta non affrontare l’afa inermi, e non è necessario neppure farlo a pancia vuota. Per esempio il cocomero, o anguria che dir si voglia (la doppia nomenclatura è dovuta a varianti regionali entrambe corrette), è un alleato a dir poco vincente. Garantisce Melarossa. Fresco, zuccherino, idratante e ipocalorico è il classico (raro) compagno di cui non ci si stufa neppure in vacanza… le sue rassicuranti rotondità, per di più, sono le sole di cui non dobbiamo preoccuparci: restano a lui! Una sola, unica avvertenza: è meglio comprarlo sul posto che metterlo in valigia.

Grammo per grammo

Diamo la parola ai numeri, per conoscere davvero che cosa nasconde il rosso cocomero. Per 100 g commestibili del nostro frutto, 95,3 g sono di acqua, 3,7 g di carboidrati, 0,2 g di fibre, per un totale di appena 16 Kcal. Mangiando questi stessi 100 g della nostra anguria assumiamo 280 mg di potassio, 0,2 mg di ferro, 37 mg di vitamina A e 8 mg di vitamina C. Un bilancio niente male…

Cento sfumature di rosso

Il colore della passione, si sa, è il rosso. E in natura, già solo tra la frutta e la verdura, di questo colore esistono moltissime sfumature, nessuna identica all’altra. Tutta l’ortofrutta accomunata da questa tinta, però, possiede analoghe proprietà. Come infatti ci ricorda la campagna di promozione e informazione di UNAPROA “Nutritevi dei colori della vita” – finanziata con il contributo dell’Unione europea e dello Stato italiano -, il colore della frutta e degli ortaggi è un indizio importante per variare l’assunzione di sostanze preziose, proteggendo la salute e coprendo il fabbisogno di nutrimento del nostro organismo.

Ogni colore (rosso, verde, bianco, giallo/arancio e blu/viola) corrisponde a sostanze specifiche, con differenti azioni nutrienti e protettive. Per l’anguria il colore è il rosso. La frutta e le verdure di colore rosso hanno un alto contenuto di due fitocomposti con azione antiossidante: il licopene e le antocianine. Fragole, anguria e ciliegie, ma anche pomodori e peperoni, a patto di mangiarli crudi, per esempio in insalata, forniscono inoltre un nutriente importantissimo in grande quantità: la vitamina C che, se assunta giornalmente in almeno 200 mg (il fabbisogno medio europeo è di 90 mg al giorno per gli uomini e 80 mg per le donne), contribuisce al mantenimento della normale funzione del sistema immunitario durante e dopo uno sforzo fisico intenso, alla normale formazione del collagene e alla normale funzione delle ossa, di cartilagini, gengive, pelle e denti. La vitamina C favorisce anche l’assorbimento del ferro presente negli altri alimenti.

Dolce idratazione

Non è affatto un caso che l’anguria sia uno dei più tipici simboli dell’estate. È difficile infatti trovare frutti altrettanto dissetanti e rinfrescanti. Grazie all’altissima percentuale di acqua, abbinata a un ricco mix di sali minerali, l’anguria è un prezioso serbatoio di idratazione, anche durante le giornate più calde dell’anno. Il nostro frutto, in più, ha una funzione depurativa: stimolando la diuresi, favorisce l’eliminazione di scorie in eccesso. E tutto questo con un adorabile sapore zuccherino, che dà energia senza attentare alla linea. Si può chiedere di più?

Ciao fame

E le virtù del cocomero non finiscono qui. La dolce anguria possiede una qualità che per chi deve tenere d’occhio le calorie è a dir poco preziosa: dà quasi istantaneamente senso di sazietà, e questo senza contraccolpi calorici. Per questo l’anguria è uno spezza fame ideale. La ricchezza di vitamine e sali minerali ne fa, inoltre, un buon rimedio naturale contro stati di stanchezza, affaticamento fisico e stress e il potassio, in particolare, è un utile alleato contro la ritenzione idrica.

Altro che Passion fruit!

Prima era solo questione di leggende e detti popolari. Adesso finalmente anche la scienza ha detto la sua: l’anguria è praticamente un viagra in tinte rosse. Proprio così, e il merito va alla citrullina, un aminoacido con comprovata azione vasodilatatoria. Per non alimentare però spiacevoli equivoci, va fatta una precisazione: questa sostanza ad azione per così dire afrodisiaca è presente nella parte bianca del frutto, quella che di solito si scarta. Ma con questa consapevolezza forse lo scarto non avverrà più…

Fior di pelle

Ecco, ancora, un regalo da parte dell’anguria per quanti hanno problemi di pelle grassa. Con pochi ingredienti e una semplicissima preparazione si può ottenere una maschera più efficace di molte, assai più costose, creme di profumeria.

Basta frullare 30 grammi di anguria comprensivi di semi (anzi, più sono e meglio è) e mescolarli a un cucchiaio da cucina di succo di limone e 2 di yogurt bianco naturale intero. Fatto questo il composto, ben amalgamato, il tutto è già pronto per essere spalmato sul viso. Gli effetti benefici sono garantiti dal fruttuoso connubio dell’azione immunologica e regolatrice del processo di formazione del sebo promossa dagli acidi Omega 6 e 9 contenuti nei semi dell’anguria, dell’azione astringente del succo di limone e delle proprietà nutrienti e purificanti dello yogurt. Quando si dice una squadra vincente…

Amore a prima vista

L’anguria, si è detto, è buona, anzi buonissima. A patto, però, di sceglierla giusto. Ecco allora alcuni semplici trucchi per non toppare. Un cocomero maturo e saporito deve avere un picciolo succoso, in senso proprio letterale: se dal picciolo fuoriesce del succo, il frutto sarà dolce al punto giusto. Sempre valido, poi, è il consulto sonoro: se “bussandolo” il frutto risuona come se fosse vuoto, è un buon segno. Ugualmente positiva è la presenza sulla buccia di chiazze gialle o di striature, indice di giusta maturità. Se ci sono tutti questi segnali non dovrebbero esserci grandi dubbi: il frutto darà soddisfazione al palato. Ancora di più, poi, se si seguono i suggerimenti di Melarossa…

Le ricette con l’anguria di Melarossa

1Smoothie di fragole e anguria

Calorie totali: 138 Kcal / Calorie a porzione: 69 Kcal

Ingredienti per due persone:

  • 150 gr di fragole (45 cal)
  • 450 gr di anguria a pezzettini (67 cal)
  • il succo di 1 lime (25 cal)
  • basilico fresco
  • 1 bicchiere di ghiaccio

Clicca qui e vai alla preparazione

2Sorbetto all’anguria

Calorie totali: 252 Kcal / Calorie a persona (sorbetto): 126 Kcal

 Ingredienti per due persone:

  • 400 g di anguria già pulita e privata dei semi
  • 120 ml di acqua fredda
  • 1 lime (o un limone), il succo
  • 1 albume
  • 30 g di zucchero

Clicca qui e vai alla preparazione

3Formine di anguria

Ingredienti:

  • anguria
  • fragole

Marta Piselli

Commenti