Home Moda curvy Coach Moda Scambiarsi i vestiti, lo shopping a costo zero

Scambiarsi i vestiti, lo shopping a costo zero

CONDIVIDI

 

Un abito incrociato di Diane Von Furstenberg per una gonna a stampe di Marni? Una borsa di pelle anni ’80 per una di Prada? Tutto ciò è possibile grazie allo swapping (letteralmente “baratto di moda”), nuova tendenza in fatto di shopping sostenibile e consapevole. In poche parole, per rinnovare il guardaroba, ti basta scambiare capi in ottimo stato, senza aver bisogno di soldi o carte di credito! 

Cos’è lo swapping?

E’ un’ eco-filosofia dello shopping che sta dilagando in tutto il mondo, una sorta di evoluzione del vintage: dagli appartamenti di Manhattan fino in Europa, gli “swap party” sono in aumento esponenziale, tanto che anche web, aziende e negozi di moda ne sono stati travolti.

A Milano, l’Atelier del Riciclo organizza ogni mese SWAP PARTY, in cui pulsa il cuore del baratto e in cui si scambiano abiti, accessori, bijoux, ma anche oggetti, mobili, idee, progetti, case, vacanze e tutto quanto può essere ‘goduto’ da altre persone nel momento in cui noi non lo utilizziamo più o non ci piace più.

Lo swapping si declina in diverse formule, da citare sicuramente il progetto swap shop lanciato dal magazzino britannico Marks & Spencer: i clienti erano invitati a scambiare i loro abiti inutilizzati con buoni d’acquisto per nuovi vestiti. Il colosso svedese di fast fashion H&M, da sempre impegnato sui temi ambientali, ha lanciato la sua campagna di raccolta di abiti usati per ridurre l’inquinamento tessile: in cambio di ogni borsa di indumenti usati c’era un buono sconto di 5 €, valido per una spesa minima di 40€. Anche la catena di lingerie Intimissimi, ha ritirato capi usati di biancheria, offrendo voucher da spendere entro alcuni mesi.

Insomma il motto BE COOL, BE GREEN, sembra finalmente irrompere!

Perchè barattare? Eccoti 3 buoni motivi:

-Il baratto è amico dell’ambiente: barattare 20 kg di vestiti equivale a risparmiare l’energia necessaria per azionare una TV per un anno e sette mesi non stop.

-E’ un’occasione per socializzare condividendo valori, oggetti, idee, tempo e divertimento.

-E’ di moda e può aiutare ad avere successo, offrendo nuove opportunità anche dal punto di vista professionale.

 

Emanuela Maria Mafrolla

Commenti