Home Lifestyle Viaggi e Assaggi Una cucina di mare e terra

Una cucina di mare e terra

CONDIVIDI
gianluca bini dello yacht club

A 50 anni Gianluca Bini, nato a Grosseto in una storica famiglia di ristoratori, ne ha già 35 di esperienza alle spalle! Succede, quando si inizia a 15 anni nel ristorante-albergo del nonno e poi del padre... E non è solo un’esperienza legata alla cucina: sa cosa significhi il lavoro di sala (è stato anche maître), così come quello di capo barman, praticati entrambi in varie realtà toscane.

Poiché non si finisce mai di imparare, ecco i corsi a Milano, Stresa e Londra, fino a diventare food&beverage manager delle prestigiose Terme di Saturnia. Poi la scelta di dedicarsi a un posto tutto suo: da cinque anni Gianluca gestisce il ristorante dello Yacht Club di Castiglione della Pescaia, un locale molto bello nel quale sembra di mangiare sulla tolda di una nave. La sua cucina è legata ai prodotti del mare, quasi sempre abbinati però a quelli della terra, come è inevitabile nella sua Maremma.

Sfoglia la gallery e scopri le ricette del ristorante Yacht Club

1Gamberoni pastellati su crema di ceci e fagioli cannellini al rosmarino

Questo piatto è una pietanza tradizionale rivisitata. Mia nonna, al posto dei gamberoni che poca gente si poteva permettere, metteva del pane grigliato o, per farlo ancora più saporito, del pane fritto.

Per 4 persone:

  • 16 gamberoni
  • 250 grammi di ceci
  • 250 grammi di fagioli cannellini
  • olio extra vergine di oliva
  • sale, pepe e rosmarino

Per la pastella:

  • 30 grammi di pan grattato macinato grosso
  • 30 grammi di farina gialla
  • 5 grammi di curcuma

I fagioli cannellini e i ceci secchi sono fatti bollire e poi frullati nel mixer con olio extra vergine d’oliva, pepe, sale e rosmarino.
Ai gamberoni viene tolta la testa, poi sono aperti e puliti accuratamente; finita questa procedura, sono passati in un’impanatura di farina gialla, pan grattato e curcuma, e messi in forno a 220° per sei minuti.
Si adagiano tre cucchiai di crema di legumi su un piatto, si mettono sopra quattro gamberoni e si guarnisce con un rametto di rosmarino e olio extra vergine d’oliva a crudo.

2Gnocchetti di patate con bocconcini di scorfano, pomodori datterini e pistacchi di Bronte

Anche questo è un piatto della nostra cucina marinara, che viene preparato con vari tipi di pesce più o meno delicati. Abbiamo scelto lo scorfano per la compattezza delle carni e, allo stesso tempo, il suo gusto delicato.

Per 4 persone:

  • 400 grammi di gnocchi di patate
  • 200 grammi di filetto di scorfano
  • 40 grammi di pistacchi di Bronte
  • 250 grammi di pomodori datterini

Preparazione:

Terminata la preparazione dello gnocco, si toglie la pelle al filetto di scorfano; il filetto viene tagliato a dadini, i pomodori datterini in due, e si preparano da un parte olio extra vergine d’oliva, peperoncino e 10 grammi di pistacchi di Bronte.

Si mette in una padella olio extra vergine e peperoncino; appena l’olio è caldo, si buttano i tocchetti di scorfano e, a seguire, i datterini. A fine cottura, i pistacchi. Cotto lo gnocchetto, si salta il tutto; se il sugo è asciutto, si aggiunge un po’ di brodo di pesce.

Quando si impiatta, guarnite con pistacchi di Bronte freschi.

Ristorante dello Yacht Club
Via Ambrogio Fogar (Molo di Levante) – Castiglione della Pescaia (GR)
Tel. 3338035371

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteTisane per depurarsi a primavera
Articolo successivoBicarbonato, il prodotto che sa fare tutto!
Sono una giornalista specializzata in produzione di contenuti sui media digitali e tradizionali, content e social media marketing. All'interno di Melarossa mi occupo soprattutto di pianificazione editoriale e coordinamento redazionale.