Home Lifestyle Scrivi alla psicologa genitori/figli Problemi con il sonno

Problemi con il sonno

CONDIVIDI

 

Salve. Ho una bambina di 3 anni e mezzo che ha avuto sempre problemi con il sonno. Ancora ora si sveglia nel cuore della notte, arriva nel lettone portandomi un peluche o un gioco (come farebbe un gatto) e vi si piazza nel mezzo. Poi comincia a grattarmi il mento. Se mi giro lei con la mano viene a cercarmi e continua a grattare. Mi irrita terribilmente questa cosa ma per la bambina è sempre stata fonte di rilassamento, la fa da quando è piccola e non riesco a farla smettere. Il tutto si è intensificato con la nascita di un bimbo 4 mesi fa. Perché usa il mio mento come rilassante?

Elisabetta

Cara Elisabetta,

l'addormentarsi è sicuramente un momento delicato per i bambini, soprattutto per quelli che hanno più difficoltà nel separarsi dalle figure genitoriali. Il fatto che sua figlia si svegli a metà notte ed arrivi nel lettone, mi fa pensare che forse ancora questo processo non sia totalmente avvenuto. Ciò non significa che sua figlia stia male, ma credo che possa essere utile per voi genitori e anche per lei, favorire lentamente il processo di separazione: se arriva da voi nel cuore della notte cercate lentamente di farla tornare nel suo lettino, magari accompagnandola anche fisicamente, stando con lei finché non si riaddormenta, rassicurandola. Il gesto che compie poi sua figlia di grattarle il mento, è un modo, come già lei stessa ha sottolineato, che la bambina usa per rilassarsi prima di addormentarsi, ossia, prima della separazione notturna: assicurandosi il contatto con lei, verifica la sua presenza e si tranquillizza, come se in qualche maniera, sua figlia rivivesse nel gesto le sensazioni che la gratificavano quando veniva allattata. Tali comportamenti sono tipici dei bambini piccoli e tendono a scomparire con il progredire dello sviluppo. Credo che la nascita del bimbo 4 mesi fa, possa aver contribuito nel mantenere e soprattutto nell'intensificare tali comportamenti. A questo proposito, le consiglierei di approfondire un pochino meglio come sua figlia ha vissuto e sta vivendo questo evento.

Per qualsiasi altro dubbio, non esiti a ricontattarmi.

Saluti,

Dott.ssa Sara Silvan

 

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteTest del peso, quando pesarsi?
Articolo successivoL'adolescente? Si chiude a riccio
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.