Home Lifestyle Scrivi alla psicologa genitori/figli La difficoltà del dialogo

La difficoltà del dialogo

CONDIVIDI


 

Mio figlio ha 12 anni e nonostante a scuola sia molto bravo, in casa e’ piuttosto scostante, spesso aggressivo anche con il nostro gatto, si rifiuta di seguire uno sport e gioca molto ai videogiochi anche se non violenti. Cerco di parlargli ma invano…cosa posso fare? Grazie.

Maria

Cara Maria,

per risponderle in maniera più specifica, avrei bisogno di sapere qualche cosa in più su suo figlio, ma provo a farlo sulla base di ciò che mi ha scritto. Il periodo di sviluppo in cui suo figlio si trova è sicuramente molto difficile e complesso da comprendere, sia per lui che lo vive in prima persona, sia per le persone che gli sono vicino, in quanto tante sono le dinamiche in gioco. Detto ciò, bisognerebbe cercare di capire meglio come suo figlio sta vivendo questo momento: come mai a casa è scostante ed aggressivo? Lo è sempre stato? Secondo lei è modificato il vostro rapporto? Se si, come? Anche se ha già provato a parlargli, può fare lei un ulteriore tentativo per vedere se c’è una possibilità di apertura di suo figlio nei suoi confronti, cercando di parlargli in maniera “calda” e soprattutto “non giudicante”: il messaggio che dovrebbe arrivargli è quello che lei è lì per lui, perché vorrebbe aiutarlo nel cercare di capire come sta e cosa gli sta succedendo “dentro”. Può esserle di aiuto raccontargli come lei ha vissuto la sua adolescenza! In questo modo è come se parlaste lo stesso linguaggio.

Per qualsiasi altro dubbio, non esiti a ricontattarmi.

Saluti,

Dott.ssa Sara Silvan

Commenti
CONDIVIDI
Articolo precedenteL’adolescente? Si chiude a riccio
Articolo successivoPaura del distacco
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.