Home Lifestyle News & Gossip Vietate 7 sostanze usate nelle pillole dimagranti

Vietate 7 sostanze usate nelle pillole dimagranti

CONDIVIDI
pillole dimagranti sono pericolose

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha firmato il decreto che vieta le preparazioni di pillole dimagranti realizzate con 7 sostanze che possono provocare danni cardiaci e psichiatrici.

Ad essere state bandite dal Ministero sono le preparazioni magistrali, ovvero quelle fatte direttamente dal farmacista su misura del paziente, che contengono questi principi attivi: triac, clorazepato, fluoxetina, furosemide, metformina, bupropione e topiramato-.

Queste sostanze, autorizzate singolarmente per diverse indicazioni terapeutiche (come il trattamento di ansia, depressione, diabete, ipertensione e epilessia), possono infatti risultare dannose per la salute se utilizzate, da sole o in combinazione tra loro, a scopi dimagranti.

Di questi principi attivi – si legge nella nota del Ministero – viene spesso fatto un abuso per finalità meramente estetiche. Una prassi che mette seriamente a rischio la salute dei pazienti, come segnalato dall’Agenzia Italiana del Farmaco, che ha evidenziato che le preparazioni magistrali contenenti questi principi attivi singolarmente e più spesso in associazione tra di loro possono essere estremamente pericolose per i soggetti che ne fanno uso, fino a provocare disturbi psichiatrici e problemi cardiovascolari se utilizzate a scopo dimagrante. Proprio le segnalazioni dell’Aifa di sospette reazioni allergiche scatenate da questo tipo di preparazioni ha dato al Ministero l’impulso decisivo per l’emanazione del decreto.

L’ulteriore rischio di questo mix di sostanze – fa notare il Ministero – è che, essendo preparate su misura per il paziente direttamente dal farmacista, non sono mai state studiate secondo sperimentazioni cliniche regolari e risultano pertanto prive di foglietto illustrativo che dia al paziente informazioni sulle caratteristiche del prodotto, per cui non vi è alcuna garanzia e sicurezza.

Il decreto segue altri due provvedimenti adottati dal ministro Lorenzin negli scorsi mesi di maggio e luglio, in cui sono state bandite altre due sostanze utilizzate in preparazioni magistrali a scopi dimagranti, la pseudoefedrina e la fenilpropanolamina / norefedrina.

Il giro di vite del Ministero sui prodotti dimagranti torna ad accendere i riflettori sui rischi del ricorso ai farmaci per dimagrire, che promettono risultati facili e veloci mettendo però in serio pericolo la nostra salute.

Noi di Melarossa proponiamo una dieta equilibrata, varia e sana, in cui l’unica regola da seguire è quella di mangiar bene e fare sport, non servono farmaci o altre sostanze per perdere peso, servono solo pazienza e buona volontà.

Marta Piselli

Commenti
CONDIVIDI
Articolo precedentePerchè è bene fare 5 pasti al giorno?
Articolo successivoAllenarsi senza gravare sulla ginocchia
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.