Home Lifestyle Genitori e Figli Omega3: il grasso buono contro l'acne

Omega3: il grasso buono contro l'acne

CONDIVIDI
curare acne con omega 3

L'adolescenza è un periodo di grandi sconvolgimenti fisici ed emotivi. I tuoi figli stanno crescendo, ma spesso con qualche scotto da pagare. Un esempio? I brufoli che a volte invadono completamente i loro visi, fino a qualche anno prima dalla pelle dolce e delicata.

E quanti complessi causano! Si vedono brutti e attribuiscono a quei difetti temporanei la colpa di una vita sociale poco eccitante e piena, o di una collezione di amori non corrisposti. Insomma un vero disastro!

Se il tuo adorato figlio storce il naso, rivelagli il risultato di uno studio cento per cento made in Italy condotto su 500 adolescenti e giovani fino ai 24 anni sani, con acne lieve, moderata o grave: il pesce è il miglior alleato contro l'acne giovanile.

È stato un gruppo di ricercatori del Gised – Gruppo Italiano Studi Epidemiologici in Dermatologia – a scoprire che questo alimento, se consumato costantemente, ha un vero e proprio effetto protettivo della pelle connesso con l'elevato contenuto di acidi grassi omega 3.

Questo acido, considerato da sempre un grasso “buono”, aiuterebbe infatti a prevenire la degenerazione di una semplice acne in pustole, cisti o papule.
Insomma il pesce fa bene, come anche il consumo regolare di frutta e verdura.

Quello che invece andrebbe evitato o almeno consumato con moderazione è il latte, scremato e parzialmente scremato in particolare, il cui contenuto di proteine come l'alfa-lattoalbumina sembra aumentare la produzione di sebo e quindi il conseguente manifestarsi dell'acne. Senza dimenticare il consumo di cibi convenzionalmente considerati pericolosi per la salute e capaci di portare all'obesità tuo figlio.

Secondo la ricerca non sembra esserci una diretta correlazione fra consumo di dolci e cioccolata e l'insorgere dall'acne, ma resta evidente il ruolo determinate dell'obesità nella comparsa dei brufoli che accompagnano gli sconvolgimenti ormonali dell'adolescenza e che in questo caso più facilmente potrebbero trasformarsi in pustole o cisti.

L'imperativo è dunque mangiar sano e assicurarsi che anche tuo figlio limiti al massimo il consumo di cibi che potrebbe portarlo all'obesità e favorire l'acne.

Isabella Quercia

Commenti