Home Lifestyle Genitori e Figli La forza delle donne siriane

La forza delle donne siriane

CONDIVIDI

Khadigia è una donna che nonostante tutto il dolore, riesce ancora a mantenere un'espressione del viso molto dolce e gentile. Lei, come tante madri siriane, ha perso due figli maschi in una guerra civile che ormai dura da tre anni. Aveva perso anche il marito tanti anni prima ritrovandosi ad allevare da sola tre ragazzini ed una bimba piccola, ed ora vive con le mogli dei suoi figli, sua figlia, il marito di questa l'unico a lavorare, e sette nipoti, di cui 5 orfani di padre. Ma non si abbatte e con amara ironia dice alla volontaria Ai.Bi. (Associazione Amici dei Bambini) che ha raccolto per noi la sua storia: “loro (indicando le foto dei figli morti) erano orfani ed ora anche loro (questa volta indica i bambini) sono orfani”.

La storia di Kadhigia si aggiunge a quella di Amal, donna ferita alla gamba a causa del crollo della sua casa, circostanza in cui ha perso suo marito, mentre Bashar, suo figlio di 10 anni, è stato colpito da alcune schegge allo stomaco. Vivono a Binnish a casa della zia del marito, in attesa che Bashar venga operato.
Per loro e per tutte le madri e i bambini vittime di una guerra che sembra non avere fine, Ai.Bi. porta avanti la campagna Emergenza Siria, sostenuta dalla redazione di Melarossa, e che ha bisogno anche del tuo aiuto con una donazione libera. Ogni euro che deciderai di donare permetterà ad Ai.Bi.  e l’Associazione Syrian Children Relief, presenti nella provincia di Idblid in decine di villaggi siriani, tra cui Binnish, Taftanaz, e Sarmin, e nel campo profughi di Bab Al’hawa con il progetto Bambini in Alto mare, di garantire ai bambini e alle famiglie siriane il diritto di sentirsi a casa nel proprio paese.
Con soli 10 euro permetterai di acquistare tre scatole di latte in polvere per un bambino siriano, con 25 euro settanta litri di carburante per un mese di elettricità in una casa siriana, con 50 euro un mese di spesa alimentare per una famiglia siriana, con 100 euro una settimana di servizi medico sanitari per centinaia di persone (es. vaccini per bambini contro la poliomelite) e infine con 150 euro contribuirai alla creazione di una ludoteca per i bambini di Binnish (Siria).
Sul sito di Ai.Bi. potrai trovare informazioni su come sostenere la campagna.

Clicca sul banner e scarica il volantino della campagna

Luisa Carretti

Commenti