Home Lifestyle Genitori e Figli Più frutta nei distributori!

Più frutta nei distributori!

CONDIVIDI

Forse, se frutta e verdura si trovassero con più facilità, possibilmente pulite e fruibili all’istante, come facile è trovare e mangiare snack di ogni tipo, allora tutti noi ne consumeremmo sicuramente  maggiori quantità. Deve essere stato anche questo uno dei ragionamenti che hanno portato a pensare al progetto pilota per incentivare i ragazzi a mangiare frutta e verdura attraverso i distributori automatici nelle scuole secondarie di cinque regioni. Il progetto, promosso dal Ministero della Salute nell’ambito del programma nazionale “Guadagnare salute” con il coordinamento scientifico del Creps – Università di Siena, e l’adesione di operatori della distribuzione automatica associati a Confida – Associazione Italiana della Distribuzione Automatica, è realizzato dalle regioni Toscana (capofila), Campania, Marche, Puglia e Sicilia.

Grazie a questa iniziativa, frutta e verdura arriveranno nei distributori automatici delle scuole, sia per sconfiggere l’obesità che per promuovere un’alimentazione equilibrata a partire dall’età scolare. L’Associazione Italiana della Distribuzione Automatica collabora al progetto interregionale “… e vai con la Frutta” in circa 50 scuole secondarie di 2° grado, mediante distributori automatici dedicati ad alimenti e bevande a maggiore valenza salutistica.

Oltre a questi nuovi distributori automatici, che offriranno frutta, snack, succhi e altre bevande a basso contenuto di sale, zucchero e con poche calorie, il progetto prevede attività formative per un consumo consapevole, stili di vita sani e un percorso educativo mirato a promuovere maggiore consapevolezza dei benefici del consumo di frutta e verdura insieme all’attività fisica. Per monitorare il gradimento da parte degli studenti, verrà effettuata una valutazione, attraverso la somministrazione di un questionario, delle differenze di consumo pre e post, per trarre indicazioni utili che verranno raccolte per finalità istituzionali dal Ministero della Salute e dalle Regioni.

Isabella Quercia

Commenti