Home Lifestyle Genitori e Figli Adolescenti, mai dire loro che sono grasse

Adolescenti, mai dire loro che sono grasse

CONDIVIDI
adolescenti mai dire loro sono grasse

Ripetere troppo spesso alle ragazze che sono in sovrappeso può farle diventare obese. Il giudizio degli altri purtroppo conta, soprattutto per te, che sei in piena adolescenza e più sensibile ai commenti di parenti, amici, ma anche di estranei.

Ti osservi, scruti con ansia la tua immagine allo specchio per registrare ogni piccolo difetto che potrebbe diventare oggetto di scherno o di critica.

“Sei troppo grassa!”, ti dicono spesso a casa, facendo riferimento alle tue forme morbide, e più loro lo ripetono, più tu lotti con l’ago della bilancia, uscendone sconfitta. Ti sei chiesta come mai?

Secondo una ricerca condotta su duemila ragazzine delle scuole medie dall’University of California di Los Angeles, quando una pre-adolescente si sente ripetere per lungo tempo da compagni, fratelli o familiari che è grassa, questa diventerà grassa veramente, o addirittura obesa. Gli effetti di questa sorta di “lavaggio del cervello” sono misurabili a distanza di anni: all’inizio dello studio il 58% delle ragazze era stato preso in giro perché troppo grasso, e nove anni più tardi quelle stesse ragazze avevano una probabilità del 66% più alta di essere obese.

Una sorta di profezia che si auto-avvera i cui danni sembrano essere direttamente proporzionali al numero di persone che esprimono la loro opinione sul peso. Insomma se in tanti ti ripetono che sei grassa, anche se non ce ne sarebbe realmente il motivo perché sei solo leggermente in carne o più tonda degli altri, maggiori sono le probabilità che diventerai obesa.

Questo perché la semplice etichetta che ti viene affibbiata aumenta il rischio che tu assuma comportamenti che ti indirizzano verso l’obesità. Vuoi per lo stress, vuoi perché ti senti discriminata o accusata di qualcosa che non è vero, la tentazione è aprire il frigorifero e svuotarlo, mangiando tutto ciò che ti capita a tiro ed entrando in un circolo vizioso da cui a volte non riesci ad uscire.

Ritrova l’autostima e la serenità

Il nostro consiglio? Ignora per quanto riesci i giudizi degli altri e concentrati su te stessa. Cosa ti piace di te, quanto e come ti vedi più attraente, in cosa sei bravissima e quali sono gli aspetti del tuo carattere che ti rendono unica e speciale. Fai un elenco guardandoti allo specchio e ripeti ogni giorno o questo esercizio: ti sentirai più sicura di te stessa e imparerai ad amarti.

Prova inoltre a tirare fuori le tue emozioni, scrivendole su un quaderno speciale: basta una pagina, appena sveglia, per tirar fuori i sentimenti negativi e iniziare la giornata con un sorriso.

Tieni sotto controllo la fame

Soffrire di fame nervosa è più frequente di quanto ti immagini. Molti si rifugiano nel cibo per affogare un dispiacere, per vincere la tristezza, la noia, il nervosismo. Se riesci a capire che il più delle volte non mangi per fame, ma per uno dei motivi appena elencati, sei già sulla buona strada.

Il secondo passo è quello di creare un diversivo: una telefonata alla tua amica del cuore, una serata al cinema, un libro o qualsiasi cosa che ti faccia star bene potrà aiutarti a distogliere il tuo pensiero dal cibo.

Bella perché diversa

Chi ti prende in giro per le tue forme più morbide ha in mente un ideale di donna sbagliato, per lo più indotto dai mezzi di comunicazione. Ricorda che ognuno di noi è a suo modo bello e affascinate, anche tu lo sei. Il segreto è saper valorizzare i tuoi punti forti e non vergognarti dei tuoi difetti. D’altronde, tutti noi ne abbiamo e siamo unici e speciali anche per questo!

Sylvie Pariset

Commenti
CONDIVIDI
Articolo precedenteLa differenza tra marmellata e confettura
Articolo successivoI bigodini per una piega perfetta
Sono nata in Francia ma vivo in Italia da 20 anni. Prima di diventare pubblicista, ho fatto l’insegnante di sport (ISEF) in Francia e l’attrice per 10 anni. Appassionata di salute e benessere, collaboro per Melarossa da 5 anni, scrivo soprattutto di fitness e gestisco la pagina Facebook. Mi piace molto il mio lavoro perché è molto creativo e abbiamo molti rapporti con gli utenti a cui cerchiamo di dare una mano per rimanere sempre positivi durante il loro percorso.