Home Lifestyle Casa e fai da te Come creare un orto bio nel tuo giardino

Come creare un orto bio nel tuo giardino

CONDIVIDI
come creare un orto a casa

Come creare un orto: è sempre una bella e divertente sfida. Se hai la fortuna di avere un giardino fuori casa, cosa c’è di meglio che adibirne una parte ad orto familiare?

Creare un orto in giardino, sarà una bella occasione per portare sulla tua tavola, ortaggi e verdura fresca spendendo poco, conoscendone la provenienza e mangiando rigorosamente bio!

Come creare un orto: la prima mossa

Per creare un orto in giardino bisogna innanzitutto capire quale sia lo spazio disponibile e poi scegliere quanto destinarne al tuo orto: lo spazio per soddisfare il fabbisogno di una famiglia media (4 persone) si aggira intorno a 10 mq a persona.

La soluzione migliore prevede un orto in posizione soleggiata che abbia almeno 6 ore di luce giornaliere (ortaggi estivi tipo pomodoro e peperone gradiscono anche l’intera giornata), al riparo dal vento e, soprattutto in inverno, protetta da gelate, in una zona con un terreno fertile e senza ristagni idrici.

Progettare un orto può dare davvero tante soddisfazioni. Come quelle legate al giardinaggio in genere, disegnare un orto è prima di tutto un’attività della mente che fa bene al corpo.

Come creare un orto: proteggerlo

È bene delimitare la zona adibita ad orto, sia a scopo protettivo sia a scopo ornamentale, soprattutto se nel giardino vivono animali domestici.

Si possono utilizzare delle semplici staccionate o creare delle bordure con delle siepi, utili ad attirare insetti impollinatori.

Per la staccionata si prestano bene legni di castagno, pino, abete, larice e rovere, purché trattati con impregnante antimuffa, meglio se di natura biologica.

La recinzione non deve essere troppo alta perché causerebbe ombreggiamento sugli ortaggi coltivati.

Come creare un orto artistico

Per uno spazio che abbia anche un valore ornamentale, la superficie va suddivisa in aiuole quadrate, rettangolari, di dimensioni non superiori a 1 – 1,20 m o a spicchi per un orto rotondo o ovale.

Lascia un passaggio sufficientemente largo per permettere il transito con attrezzi, carriola e motozappa.

Il sentiero di passaggio può rimanere in terra battuta ma può essere anche allestita una copertura del terreno con assi di legno, pietre piatte, mattoni, lasciando sempre dello spazio tra l’una e l’altra.

Si tratta di una soluzione in grado di favorire il drenaggio, purché la copertura sia realizzata con materiale non scivoloso. Ottima soluzione la ghiaia! Creare un orto è creatività.

Assicurati di poter disporre di acqua nelle vicinanze per facilitare l’irrigazione dell’orto: in questo modo non sarai costretto a prendere l’acqua da zone lontane e a trasportare l’annaffiatoio pieno d’acqua e anche molto pesante per lunghi tratti.

Creare un orto è anche una questione di gusto e di sensibilità estetica.

Come creare un orto: cosa ti serve

Non dimenticare l’attrezzatura adatta, come zappa, vanga, rastrello, guanti da lavoro per facilitare tutte le operazioni nell’orto: una motozappa ti semplificherà il lavoro per rigirare e sminuzzare il terreno in breve tempo.

Da questo punto di vista, vasta la scelta. Ce ne sono a batteria, a motore e di tipo manuale.

Ricordati di concimare il terreno con prodotti di derivazione organica e comunque a norma di legge.

Seguendo questi semplici consigli, l’orto sarà bello dal punto di vista estetico e sempre produttivo, sia d’inverno con cavoli, piselli e broccoli, sia in estate con zucchine, melanzane, peperoni e angurie.

Per conoscere i periodi migliori per effettuare le semine, ti basterà documentarti un po’ tra libri, internet, vivai: così facendo potai coltivare gli ortaggi che più ti piacciono!

Per portare in tavola prodotti sani, saporiti e genuini, bastano solo passione, fantasia e buona volontà. Creare un orto aiuta a mantenersi giovani.
Quindi… sotto con i lavori, il tuo orto ti aspetta!


Commenti
CONDIVIDI
Sono una giornalista specializzata in produzione di contenuti sui media digitali e tradizionali, content e social media marketing. All'interno di Melarossa mi occupo soprattutto di pianificazione editoriale e coordinamento redazionale.