Home Fitness Sport e Benessere Pedana vibrante: sì o no?

Pedana vibrante: sì o no?

CONDIVIDI
pedana vibrante fa bene quanto lo sport?

La pedana vibrante, o power plate, è sempre più diffusa nelle palestre, nei centri estetici, negli studi dei nutrizionisti e anche nelle case! Stai pensando anche tu di utilizzarla per tenerti in movimento , dato che non riesci a deciderti a iscriverti in palestra e che sei un po' pigro? Melarossa ti aiuta a saperne di più.

Il power plate è una macchina che permette, grazie a delle vibrazioni, di assottigliare la silhouette e di tonificarla, promettendo anche di aiutarti a perdere peso.

Le piattaforme vibranti usano la stessa tecnica che è alla base della preparazione tecnica degli astronauti russi, che le utilizzavano per rinforzare la loro massa muscolare. A seconda della postura che assumi, può fare lavorare le braccia, le cosce, i polpacci, i glutei… senza farti soffrire!

Dunque “vibrare” equivale a “tonificare”? O, per ottenere risultati, è meglio lo sport tradizionale?

Noi di Melarossa raccomandiamo sempre di fare attività fisica, in abbinamento con la dieta, per mantenere un buono stato di salute, ma sappiamo bene che con la vita frenetica di tutti giorni è difficile impegnarsi a fare sport 3 volte alla settimana; per questo molti pensano che sia più facile acquistare una pedana  che in 45 secondi per postura risolva tutti i problemi e faccia sciogliere la massa grassa! Ma il power plate può essere considerato uno sport o è un complemento allo sport, cioè uno starter per chi non pratica attività fisica da anni?

Facciamo il punto con Giovanna Lecis, esperta fitness di Melarossa e campionessa mondiale di aerobica, una ragazza che ha speso tutta la sua vita per insegnare alla gente i gesti giusti per tonificarsi.

Giovanna, come funziona la pedana vibrante?
E'  una semplice pedana che oscilla con frequenze comprese fra i 10 e i 60 Hz. Durante l'applicazione, tutto il corpo oscilla ed è fondamentale la posizione che il soggetto assume perché, a seconda della posizione, si stimola una differente zona muscolare. Il soggetto sale sulla pedana, seleziona il programma desiderato ed esegue le figure spiegate nel manuale di istruzioni (o sul display della pedana).

Se ne volessi comprare una da usare a casa come dovrei usarla? Tutti i giorni? E' consigliabile farsi seguire da un istruttore?
Non tutti i tipi di pedana hanno le stesse caratteristiche, ne esistono diversi modelli, ma pochi sanno che si rifanno tutte all'opera di Carmelo Bosco, uno dei massimi esperti nello studio della forza e dell'elasticità muscolare. Possono dividersi in due grosse categorie, le sussultorie (a movimento verticale, su-giù) e le basculanti (a movimento laterale, simile alla camminata). Purtroppo le più abbordabili ed economiche (dai 300 ai 1200 euro...) hanno sfruttato il concetto senza offrire le qualità delle più costose. È veramente ottimistico sperare di ottenere qualche risultato con pedane nella fascia bassa di prezzo, per cui il consiglio è di utilizzare le pedane della palestra e possibilmente con un istruttore.

E' vero che aiuta a rassodare?
No, le pedane vibranti possono affiancare il normale potenziamento muscolare, ma non lo sostituiscono in quanto nella forza sono sempre presenti qualità neuromuscolari e l'impulso delle vibrazioni non passa per il nostro sistema nervoso centrale. Per lo stesso motivo, la pedana vibrante non sostituisce lo sport!

Può aiutare a dimagrire?
Essendoci un modestissimo dispendio energetico non c'è nessuna azione di controllo del peso. Anche l'eventuale stimolazione ormonale non è in grado di ottenere risultati particolarmente significativi e l'allenamento cardiovascolare è veramente minimo, quindi la pedana non è in grado di promuovere un allenamento dimagrante.

E' vero che è ottima per chi soffre di cattiva circolazione?No. La cattiva circolazione causa la cellulite, che è un inestetismo cutaneo derivante da disfunzioni del sistema linfatico periferico. Studi scientifici hanno dimostrato che il sistema linfatico viene stimolato esclusivamente con l'esercizio fisico. I vasi linfatici intorno ai muscoli si contraggono solo volontariamente, essendo strettamente connessi sia alla pulsazione arteriolare sia alla contrazione muscolare e cioè con movimenti di contrazione-decontrazione volontari dei muscoli.

Meglio i video di Giovanna o la pedana?
Meglio i video di Giovanna, se poi si affiancano delle sedute sulla pedana i risultati saranno migliori.

Si rischiano traumi utilizzando la pedana?
Le vibrazioni non hanno controindicazioni. La pedana è molto meno traumatica di balzi, sollevamento pesi, stretching fatto male ecc.

Conclusioni di Melarossa:

Se proprio non ti va di fare sport, un pacchetto di sedute di power plate ti può aiutare, ma sii consapevole che devi comunque essere regolare (almeno 3 volte alla settimana) quindi meglio iscriversi in palestra o ad un corso di danza!

La pedana non è assolutamente paragonabile a 40 minuti di jogging, sia sul fronte del dispendio energetico che dal punto di vista del lavoro cardiovascolare... quindi continua a correre!

Provato per te: la sensazione delle vibrazioni lungo tutto il corpo non è molto piacevole e basta una posizione sbagliata sulla pedana per avere problemi alla schiena e uscire della seduta con un gran mal di testa!

Se proprio vuoi provare, vai in palestra e non in un centro estetico: l'istruttore ti aiuterà ad eseguire gli esercizi e correggerà le posizioni sbagliate.

Controindicazioni: evita di utilizzare la pedana se sei incinta, hai problemi di articolazioni o alla colonna vertebrale, problemi di cuore e soffri di emicrania. In caso di  patologie specifiche, consigliamo sempre di rivolgersi al proprio medico prima di praticare qualsiasi sport.

Se vuoi comunque acquistarne una, segui prima delle lezioni con un coach che ti insegnerà le posizioni giuste.

Segui la dieta Melarossa che ti insegna a mangiare bene, fai sport e, se combatti contro la cellulite, fai massaggi e bevi 2 litri d'acqua al giorno.... ti costerà molto meno!

Sylvie Pariset

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa danza africana mi ha ridato la gioia di vivere!
Articolo successivoRivoluzione rosa: sì agli sport maschili!
Sono nata in Francia ma vivo in Italia da 20 anni. Prima di diventare pubblicista, ho fatto l’insegnante di sport (ISEF) in Francia e l’attrice per 10 anni. Appassionata di salute e benessere, collaboro per Melarossa da 5 anni, scrivo soprattutto di fitness e gestisco la pagina Facebook. Mi piace molto il mio lavoro perché è molto creativo e abbiamo molti rapporti con gli utenti a cui cerchiamo di dare una mano per rimanere sempre positivi durante il loro percorso.