Home Fitness Scrivi alla personal trainer Ritenzione idrica e gambe pesanti

Ritenzione idrica e gambe pesanti

CONDIVIDI

 

Ciao Giovanna,

ho iniziato da un mesetto la dieta personalizzata di Melarossa e nel contempo faccio attività fisica varia (palestra anaerobica, corsa, nuoto) alternandola a qualche ora di sedentarietà (studio, lavoro, pc). Qualche anno fa una nutrizionista rilevò della ritenzione idrica localizzata principalmente nelle cosce. In effetti ho sempre notato una sorta di pesantezza nelle gambe, e per me che ho fatto sempre della potenza e della velocità le mie caratteristiche principali è sempre stato un piccolo handicap. Come posso risolvere questo problemino senza dipendere necessariamente dai costosi pseudofarmaci dei nutrizionisti?
Grazie in anticipo,
Gianluca

Risposta

Ciao Gianluca,

la ritenzione idrica, ovvero la tendenza a trattenere liquidi nell’organismo, è un fenomeno piuttosto diffuso, colpisce soprattutto le donne, ma gli uomini non ne sono esonerati e spesso è accompagnata dalla  presenza di gonfiori e un  fastidioso senso di pesantezza, nel tuo caso nelle gambe. Il principale responsabile  è uno stile di vita sbagliato, per cui la prima cosa da fare è proprio cambiare  alcune abitudini poco salutari che vanno ad aggravare la situazione: il fumo, l’eccessivo consumo di alcolici, il consumo di cibi salati, l’abuso di  caffè, gli abiti troppo stretti, il rimanere a lungo in piedi o seduti senza muoversi e infine il sovrappeso che va a  rallentare la diuresi e a favorire la ritenzione idrica. Bevi molto, l’acqua è un ottimo diuretico naturale  che ti permette  di eliminare le tossine e le sostanze in eccesso, evita cibi ad alto contenuto di sodio, il sale è il peggior nemico nella lotta alla ritenzione, ma soprattutto fai movimento. L’attività fisica, se eseguita regolarmente, contribuisce a riattivare il microcircolo e migliorare la circolazione, ma ti consiglierei di evitare la corsa e gli sport che prevedono frequenti impatti con il terreno. Prediligi la camminata veloce o il nuoto che riesce ad unire un effetto drenante per via del massaggio dell’acqua sul corpo ad un’azione di tonificazione, in più in assenza di gravità ti sentirai le gambe leggere e non percepirai troppo la fatica. Al lavoro, prova ad alzarti più spesso o, da seduto, mobilizza le caviglie ruotando i piedi in tutte le direzioni, inoltre anche mettere un rialzo sotto il materasso in modo da tener sollevate le gambe di notte può  esser di grande aiuto ad evitare il ristagno. Infine per alleviare la pesantezza delle gambe puoi  ricorrere a dei massaggi, nel tuo caso il  linfodrenaggio sarebbe ottimale. Spero di esserti stata utile…continua a seguirci!

Giovanna

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteInterno cosce e ginocchia
Articolo successivoCaponata light con melanzane e olive
Sono una giornalista specializzata in produzione di contenuti sui media digitali e tradizionali, content e social media marketing. All'interno di Melarossa mi occupo soprattutto di pianificazione editoriale e coordinamento redazionale.