Home Fitness Scrivi alla personal trainer Piscina ed ernia dorsale

Piscina ed ernia dorsale

CONDIVIDI

Gentile Giovanna, vorrei un consiglio su come allenarmi in piscina per mantenere una buona forma fisica. Ho cominciato a nuotare da un paio di mesi, a seguito di un periodo di fermo per un’ ernia lombare. Ho dovuto abbandonare tutte le altre attività da palestra, ed ho riscoperto il nuoto come alternativa non nociva per il mio problema. Vorrei sapere però quanto e come dovrei allenarmi per mantenere una buona forma fisica: di solito alterno lo stile libero ed il dorso, in un’oretta circa di tempo, 2/3 volte la settimana. Attendo un consiglio tecnico. Grazie.

Grazie per aver scritto,

l’allenamento in piscina è un’ ottima alternativa per ricominciare ad allenarsi avendo poi riscontrato i problemi di ernia, ma io comunque ti consiglierei di ricominciare ad andare in palestra cambiando ad esempio il tipo di attività da svolgere( la ginnastica posturale che ormai si trova in quasi tutte le palestre oppure il Pilates sono un buon compromesso per riprendere il movimento).Se riuscissi a fare entrambe le attività, sia in acqua che a secco, la risoluzione del tuo problema sarebbe sicuramente più rapida, anche perché la tua vita normale non è in assenza di gravità come quando sei in acqua, ma devi riabituare il tuo corpo ai gesti che pratichi ogni giorno nella vita quotidiana.

Per quel che concerne l’allenamento da eseguire in acqua ti consiglio, oltre alle classiche nuotate (dove eviterei almeno per un primo periodo la rana e il delfino), alcuni esercizi che hanno la funzione di tonificare il tuo corpo in modo specifico:

porta le ginocchia al petto ed esegui una vasca di sole bracciate rana sia in avanti che all’indietro (2 vasche);

sempre con le ginocchia al petto oscilla avanti e dietro con il corpo ed estendi le gambe quando spingi il busto dietro riportandole al petto ogni volta che torni avanti (1 minuto);

in sospensione come se stessi seduta spingi le gambe in avanti in modo alternato come per simulare la pedalata riportando bene le ginocchia al petto (1 minuto);

rimanendo in sospensione con un tubo galleggiante o una tavoletta sotto le braccia, esegui un movimento di pedalata in spostamento cercando di stabilizzare il busto attivando l’addome e di fare una falcata bella grande. (2 vasche).

Inserisci la sequenza degli esercizi ogni 5 vasche di nuoto allo stile che preferisci. Per quel che riguarda la frequenza ti consiglierei almeno 3 volte la settimana per avere degli adattamenti che ti portino a raggiungere un buon risultato. Continua a seguirci…Giovanna

Commenti
CONDIVIDI
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.