Home Fitness Scrivi alla personal trainer Il metodo HIIT e la cyclette

Il metodo HIIT e la cyclette

CONDIVIDI

Buongiorno, ho 72 anni, non ha mai fatto sport, lavoro 12 ore al giorno in ufficio Ho il diabete mediamente 160, ma ho acquistato una cyclette che tengo in ufficio e che vorrei usare in modo intelligente. Ho letto circa il sistema HIIT per avere buoni risultati senza dedicare troppo tempo. La prego di dirmi dove posso trovare un programma di allenamento. Grazie per la collaborazione Mario Sivieri

Caro Mario, è vero che il protocollo HIIT da buoni risultati, ma io non lo consiglierei mai ad un adulto al di sopra dei 60 anni e che, per di più, non abbia mai fatto attività sportiva! Scusami ma mi piace esser schietta: l' intensità degli sforzi nell'HIIT è molto elevata e a parer mio rischiosa in soggetti più in la con gli anni. HIIT è un metodo di allenamento molto faticoso sconsigliato a chi soffre di problemi articolari, cardiaci, polmonari o persone in sovrappeso. Il protocollo HIIT prevede un'allenamento ad intervalli: circa 30 secondi di lavoro ad una intensità del 90% della massima frequenza cardiaca (e non è affatto poco, il 90% significa che ci si avvicina molto alla frequenza cardiaca massima) seguiti da un recupero attivo compreso tra i 30 e i 90 secondi circa. L'High­intensity interval training (HIIT) eseguito sia su una cyclette che su una qualsiasi altra macchina cardio, brucia massicce quantità di calorie, aiutando a ridurre peso velocemente e, anche se molti studi hanno rilevato che questo metodo riesca a favorire un miglioramento della capacità cardiovascolare e a ridurre il grasso corporeo più velocemente rispetto alla classica attività aerobica a moderata intensità, non vuol dire che sia un metodo adeguato a tutti. Il mio consiglio caro Mario è quello di approcciarti alla cyclette in modo graduale, con allenamenti che vadano dai 20 minuti ai 50 minuti ad una intensità costante all'inizio, quando ti sentirai più allenato allora potrai passare a degli sprint, ma sempre tenendo sotto controllo la frequenza cardiaca con un cardiofrequenzimetro e, sicuramente, dopo esserti sottoposto ad una visita medica sportiva.

Spero di esserti stata utile, continua a seguirci...Giovanna

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteComincia bene l'anno nuovo con la frutta di gennaio
Articolo successivoLa verdura di stagione: la spesa di gennaio
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.