Home Fitness Scrivi alla personal trainer Camminata e metabolismo

Camminata e metabolismo

CONDIVIDI

Ciao, ho 40 anni, sono alta 163 cm e peso 65 kg!!! Direi troppo…ho il metabolismo che dorme, vorrei risvegliarlo e infatti da pochi giorni ho iniziato la dieta Melarossa ma vorrei associarlo ad attività fisica, tipo la camminata veloce: a quale velocità dovrei andare e quante sedute a settimana dovrei fare per risvegliare il mio metabolismo? Grazie di cuore! Stella

Cara Stella, il metabolismo non è altro che la velocità con la quale il corpo riesce a bruciare calorie assimilate tramite l’alimentazione: è un grande amico di chi è in forma e nemico giurato di chi in forma proprio non lo è. Aumentare il metabolismo e riattivarlo non è poi così difficile, ti bastera’ incrementare il dispendio energetico giornaliero, un’adeguata dieta e l’attività fisica ti aiuteranno a dargli una bella scossa positiva. E’ dimostrato che l’aumento della massa magra associata al movimento è un’eccellente stimolo metabolico, più muscoli si possiedono, più calorie si bruciano all’interno di una stessa giornata, va da se che devi prediligere un’attività mista in cui associ una buona attività aerobica (e la camminata veloce va benissimo) ad un lavoro muscolare intenso, come tonificazione tramite l’uso di pesi o a corpo libero. L’azione combinata delle due tipologie di attività fisica è ideale per alzare il metabolismo.

Il mio consiglio è di allenarti dalle due alle tre volte a settimana, svolgendo allenamenti misti che durino non meno di 40 minuti: cammina velocemente per 10 minuti, poi ti fermi fai 10 squats, sali e scendi da un gradone per un minuto, fai 10 affondi walking e riparti con la camminata veloce per altri 10 minuti, su un gradone (o una panchina) fai 10 piegamenti per i tricipiti con la schiena rivolta al gradone, poi fronte al gradone fai 10 piegamenti per il petto, 10 affondi laterali alternati e riparti con la camminata per altri 10 minuti. Questo è solo un’esempio di attività mista con esercizi di tono a carico naturale, ma nulla vieta di alternare la tonificazione a tuo piacimento in qualsiasi momento della camminata e utilizzando per il tono ad esempio l’elastico (è facile e leggero da portarsi dietro durante la fase cardio).

Spero di esserti stata utile, continua a seguirci…Giovanna

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedentePancia piatta, un sogno?
Articolo successivoMancanza di motivazione
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.