Home Dieta I testimonial siamo noi “-20 kg continuando a cucinare dolci”

“-20 kg continuando a cucinare dolci”

CONDIVIDI
Camilia dopo la dieta

Camilia viene invitata ad un matrimonio, guarda una sua foto e si rende conto che qualcosa non va: capisce di essere arrivata al limite e decide che è giunto il momento di perdere peso. Così inizia la dieta Melarossa e perde 20 kg!

“Erano molti anni che non salivo su una bilancia – racconta -, più o meno da quando avevo 15-16 anni, ma dopo essermi vista così male in quella foto ho trovato il coraggio di farlo: la lancetta ha toccato gli 86, 9 kg e questo mi ha fatto decidere di mettermi a dieta”.

Camilia aveva seguito altre diete in passato, sia rivolgendosi ad una dietista, sia seguendo quelle fai da te, come la dieta del gelato o la dieta della mela, ma erano tutte improponibili, poco varie e la facevano sentire poco bene.

“Questa volta mi sono orientata immediatamente sulla dieta Melarossa, la stava seguendo mia madre, che è una buona forchetta come me, ed ero certa che ce l’avrei fatta anche io: non sbagliavo, oggi peso 66kg!”

Camilia prima della dieta
Camilia, prima della dieta Melarossa

Camilia segue Melarossa dal 2012, ma quella di prendersela con molta calma è stata una sua scelta, dettata anche dalle esigenze legate allo studio e agli impegni universitari. “Sono convinta che solo perdendo peso lentamente non si riprendano i kg di troppo, inoltre, oltre al discorso puramente estetico, essendo una studentessa di medicina so bene che essere in sovrappeso fa male, che la buona salute è il frutto di uno stile di vita sano e che questo parte dalle buone abitudini a tavola”.

Camilia ha conciliato molto bene la dieta con l’università, per organizzarsi si preparava pranzo e cena il giorno prima in modo da doverli solo scaldare e in più, nonostante sia bravissima a fare i dolci, a dieta ha trovato un fantastico escamotage per non sgarrare:

Ho continuato a cucinare dolci nonostante la dieta, ne mangiavo una fettina e il resto lo lasciavo alle mie coinquiline, così non c’era il rischio di esagerare. Devo dire che grazie a loro sono riuscita a togliermi gli sfizi senza strafare: proprio per questo credo sia importante comunicare agli altri quando si è a dieta, è un modo per impegnarsi anche all’esterno, non solo nei propri confronti.

Camilia ha imparato a non privarsi di nulla ma a regolarsi con le quantità e ovviamente coi condimenti: ha detto addio alla pasta con la panna, che era il suo piatto preferito, ha imparato a mangiare bene, a fare 5 pasti al giorno e a variarli, abitudine che non l’ha mai fatta sentire frustrata. Soprattutto, ha capito che i veri alleati per dimagrire sono il tempo e una piccola gratificazione ogni tanto:

Se ho voglia di cioccolato è inutile che mangi qualcos’altro, tanto poi mi rimane comunque la voglia di cioccolato, tanto vale mangiarne un pezzo e via! Chi cerca di ottenere subito una cosa è molto più facile che la perda, io con molta calma ho perso molti kg e, soprattutto, non sono mai ingrassata di nuovo, nonostante spesso non abbia seguito la dieta alla lettera.

“A chi è a dieta dico di avere pazienza, di seguire la dieta serenamente, perché questa è la giusta arma per dimagrire in salute”.

 

Marta Piselli

Commenti
CONDIVIDI
Articolo precedenteIl peso, un chiodo fisso
Articolo successivoRavioli ripieni di funghi, porri, prosecco e salvia
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.