Home Dieta Scrivi alla psicologa Sento disagio a seguire una dieta se a casa c’è mia figlia...

Sento disagio a seguire una dieta se a casa c’è mia figlia ex anoressica

CONDIVIDI

Buongiorno,

ho 52 anni e benché non ancora in menopausa, faccio fatica a mantenere il mio peso. Ho una figlia che ha sofferto di anoressia nervosa per alcuni anni e nonostante adesso stia meglio il suo rapporto con il cibo è sempre complicato. Io ho sempre provato un forte disagio a cercare di fare una dieta in sua presenza e solo da un mese, approfittando della sua partenza per l’estero, ho trovato il coraggio di seguire la dieta proposta da melarossa. Fra qualche settimana lei tornerà e io non so come comportarmi, anche perché dopo anni di sofferenze e di ricoveri, di flebo anche solo la parola dieta in casa mia suona ‘storta’. Mi sembra di darle un cattivo esempio, e non so come comportarmi. La ringrazio, cordiali saluti. Antonella.

 

Risposta

Cara Antonella,

caspita… devono essere stati anni durissimi per voi… Se non sbaglio ora la situazione di salute di tua figlia è sotto controllo, ma anche se così non fosse, Antonella, è bene che tu sappia che il migliore insegnamento che puoi dare ad un figlio è il sapersi prendere cura di se stessi, sia che ciò significhi perdere peso, come nel tuo caso e quindi mantenersi in salute e avere uno stile di vita corretto, sia se il problema è invece l’eccessiva magrezza, per cui prendersi cura di sé vuol dire metter su chili, che spesso equivale a salvare la vita.

Quindi, via libera alla tua “dieta”! A proposito… sai che dieta vuol dire “stile di vita”?? E allora, ancor di più… che dieta sia!

Commenti