Home Dieta Scrivi alla psicologa Non riesco a non mangiare dolci!

Non riesco a non mangiare dolci!

CONDIVIDI

Gentilissima dottoressa, mi chiamo Francesca ed ho 42 anni. Le dico che da agosto 2013 sto assumendo un antidepressivo, perché era sorta in me l’ossessione e la paura della morte…Tra l’altro da maggio del 2014 sto anche associando la terapia breve strategica ..devo dire di essere rinata… Il problema è che sono ingrassata molto… Sono alta 167 cm e peso 69 kg…Il mio problema dottoressa è che non riesco a far a meno di dolci e schifezze varie tipo patatine etc..Sono golosissima….Avevo preso l’abitudine di farmi un giro a piedi di 4,5 km tutte le mattine… L’ho fatto per un paio di mesi e poi ho abbandonato… Sono anche pigra e il mio lavoro molto sedentario lo svolgo in casa… In pratica ho l’ufficio in casa. Che consiglio potrebbe darmi per questa mia irrefrenabile voglia di dolci ? La ringrazio e la saluto!

Cara Francesca,
i chili che hai messo su dipendono con molte probabilità al periodo di depressione che hai attraversato e la voglia sfrenata di dolci risponde, invece, solitamente, ad una confusione tra il bisogno di cibo dovuto alla fame vera e propria e il bisogno di “carezze”, ossia gratificazioni, riconoscimenti, coccole… Questa “confusione” si struttura all’epoca dell’allattamento, quando il neonato impara che tutte le volte che viene allattato, riceve contemporaneamente la coccola dell’abbraccio della sua mamma, quindi ad un certo punto, se questa distinzione non si struttura in modo completo, accade quello che ti spiegavo.
Ora tu sei adulta, per cui puoi imparare a distinguere questi due bisogni più efficacemente e quindi mangiare solo quando hai la fame fisiologica (ben diversa dalla smania di cibo che invece ti attanaglia) e cercare carezze quando ne hai bisogno.
Detto questo, ti do’ qualche indicazione per affrontare meglio la smania di cibo, caratterizzata da un intenso impulso a mangiare accompagnato da una tensione e da una spiacevole sensazione di bramosia, nella bocca, nella gola o nel corpo e che non ti fa trovare sollievo fino a quando non mangi il cibo “smaniato”.
Ecco, le smanie di cibo iniziano a diminuire nel momento in cui decidi che NON hai assolutamente intenzione di trasgredire la dieta e aumentano, invece, quando sei indecisa se mangiare oppure no. Tieni presente che la smania di cibo dura al massimo 5-10 minuti, per cui, resisti per quel tempo, tenendoti occupata in qualcosa di piacevole, e passerà. Se torna dopo un po’, comportati allo stesso modo, e così tutte le volte che se ne affaccia una, e pian piano ne verranno sempre meno e più gestibili. Poi, per avere altri suggerimenti da utilizzare per correggere gli errori che non ti consentono di dimagrire come vorresti, scarica la guida gratuita che trovi nel link sottostante:
http://www.florianaventura-psicologa.it/images/pdf/GuidaPsicodieta.pdf

Se ti va, fammi sapere come procede.
Un saluto
Floriana Ventura

Commenti
CONDIVIDI
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.