Home Dieta Scrivi alla psicologa Il desiderio di mangiare

Il desiderio di mangiare

CONDIVIDI

 

Le scrivo per cercare una strategia su un problema che spesso incontro quando sono a dieta: io lavoro a casa (dipingo) e spesso in questa attività si alternano momenti operativi, anche intensi, a momenti di stati e riflessone. In questa seconda fase mi viene voglia di sgranocchiare qualcosa, così come prima mi sarei accesa una sigaretta, (non fumo più da 12 anni), quando sono a dieta, in prima battuta mangio un frutto (come da programma) ma poi… è un continuo spizzicare cose a volte tranquille (come una carota) a volte dannose. Come posso bloccare questo perverso meccanismo?
Grazie Francesca

Cara Francesca,
il meccanismo perverso che descrivi dipende da quello che ti passa per la testa, dai tuoi pensieri. Non lo immaginavi, vero?
Sì, è proprio così: succede che quando si presenta uno stimolo che attiva il desiderio di mangiare, ben diverso dalla fame fisiologica, non metti in atto una difesa adeguata e cedi al cibo, dapprima sano e dopo un po’ meno. Quando parlo di difesa adeguata mi riferisco ad un modo di pensare più utile, produttivo, funzionale che, come risposta comportamentale, fa sì che tu riesca a dire di non al cibo proibito o all’eccesso di cibo.
In sostanza ad oggi, ciò che ti boicotta è un modo di pensare controproducente e birbantello che davanti a qualcosa di goloso ti fa dire: “non dovrei, non dovrei…ma vabbè, per una volta non succede nulla”, oppure qualcosa del tipo “che buon profumo di ciambellone, non posso fare a meno di assaggiarne un pezzetto”, ed ecco qui che tutti i buoni propositi sfumano in chili di troppo e frustrazione, ahime!
Ora starai pensando che sei dentro un circolo vizioso da cui non potrai mai uscire, invece Francesca puoi uscirne, imparando a modificare quei pensieri che oggi ti impediscono di fare ciò che desideri.
Per cominciare a far pratica su questo e per avere altre indicazioni per gestire i momenti più a rischio, scarica la mia guida gratuita “Le tre cose da sapere per dimagrire e restare magri per sempre” da questo link: http://www.florianaventura-psicologa.it/images/pdf/GuidaPsicodieta.pdf

Leggila e metti in pratica da subito quello che c’è scritto e se vuoi, tienimi aggiornata sull’andamento, ok?
Un caro saluto
Floriana Ventura

 

 

 

 

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteCome valorizzarsi con poco
Articolo successivoIl cibo come consolazione
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.