Home Dieta Scrivi alla psicologa Il cibo nemico-amico

Il cibo nemico-amico

CONDIVIDI

Buongiorno, sono una ragazza di 33 anni: per tutta la mia vita sono stata in sovrappeso, ho iniziato a fare diete a 13 anni, ma senza troppo successi o comunque non duraturi, poi circa 8 anni fa ho seguito una dieta da un dietologo e sono riuscita a perdere circa 20 kg . Tolti i chili di troppo ho iniziato ad avere disturbi alimentari come la bulimia, il cibo è diventato il mio amico nemico . A volte cerco il cibo come un drogato cerca la droga e questa cosa non mi piace perché il piacere del cibo è solo un FINTO piacere: in quel momento sono io che mi faccio del male in modo consapevole, ma sembra incontrollabile come cosa. Certo poi ci sono periodi che mi controllo di più e periodi meno. La mia paura è di non uscire da questo vortice, di avere paura del cibo, di uscire a mangiare con gli amici per paura di perdere il controllo. Ora diciamo che il mio peso è nella norma, ma vorrei essere più magra, però non mi lamento. Mi sa dare qualche consiglio ? Cosa fare in quei momenti dove il cervello si spegne e l ‘unico pensiero è mangiare?
Grazie mille, Sara

Cara Sara,
voglio partire dalla fine, ossia dal tuo “vorrei essere più magra ma non mi lamento”. Ecco, questo sì che mi sembra un ottimo punto di partenza!
Da quanto mi scrivi non mi è chiaro, quando parli di bulimia, se ne parli perché qualcuno te l’ha diagnosticata, più precisamente vorrei sapere se metti in atto meccanismi di compenso, come vomito, lassativi, diuretici o se fai un eccessivo esercizio fisico, oppure no.
Questo aspetto, oltre alle abbuffate e all’eccessiva preoccupazione per le forme corporee e per il peso, fa sì che si possa fare diagnosi di bulimia.
Se mi confermi la bulimia, Sara, è bene che tu ti rivolga al più presto al un esperto del settore, ad uno psicoterapeuta esperto di disturbi alimentari, perché è importante che non sottovaluti il problema, e che lo tratti adeguatamente, prima che peggiori nelle sue manifestazioni.
Se così non fosse, intanto puoi utilizzare le indicazioni cognitivo comportamentali contenute nella mia guida gratuita che trovi a questo link:
http://www.florianaventura-psicologa.it/images/pdf/GuidaPsicodieta.pdf

con le quali potrai avere degli strumenti per affrontare i momenti in cui ti butti sul cibo senza controllo, imparando, invece, ad esercitarlo gradualmente e per gestire meglio anche i pensieri controproducenti che ti spingono verso qual comportamento dannoso.

Ti invito a mettere in pratica subito quello che c’è scritto nella guida e a farmi sapere come va.
Buon lavoro!

Commenti
CONDIVIDI
Articolo precedenteRicominciare ma da dove?
Articolo successivoUn super allenamento!
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.