Home Dieta Scrivi alla psicologa Il cibo come consolazione

Il cibo come consolazione

CONDIVIDI

Buongiorno,
è la seconda volta che seguo la dieta di Melarossa: la prima è andata benissimo, infatti in pochi mesi ho perso 15kg, poi causa nervosismo, ne ho ripresi quasi 10kg.
Ora ci sto riprovando ma noto a mio dispiacere che faccio più fatica mentalmente, soprattutto quando arriva il periodo del ciclo è un vero disastro: pasticcio veramente tanto e il kg che prendo, non lo perdo una volta terminato il ciclo ma me lo tengo con me! 🙁 Vorrei tanto sentirmi bene con me stessa come la volta precedente, ma come posso recuperare quella determinazione e tenacia di un tempo e vedere scendere di nuovo la lancetta della bilancia?
Grazie mille!
Mara

Cara Mara,
quello che racconti nella tua mail mi fa pensare che ti trovi a mangiare in eccesso in risposta a spinte emotive dolorose o comunque sgradevoli, per cui quando ti senti triste, frustrata, preoccupata, arrabbiata etc, invece di occuparti di quel malessere in modo adeguato, cerchi di risolverlo mangiando qualcosa che ti gratifica. Naturalmente questo è un meccanismo per lo più inconsapevole, che ha radici nella primissima infanzia, addirittura risale all’epoca dell’allattamento, ma che oggi puoi imparare a gestire in modo più utile.
Le indicazioni per farlo sono contenute nella mia guida gratuita che puoi scaricare a questo link:

http://www.florianaventura-psicologa.it/images/pdf/GuidaPsicodieta.pdf

Ti suggerisco di esercitarti subito nelle attività che sono indicate all’interno della guida e se avessi dubbi o solo volessi condividere con me l’andamento, non esitare a contattarmi.

Per quanto riguarda il ciclo mestruale, devi sapere che è un periodo in cui il livello di serotonina, “ormone del buonumore”, diminuisce parecchio e quindi si tende a ricercare cibi zuccherini che hanno un potere gratificante notevole per compensare questa carenza. In realtà questo si rivela controproducente perché attiva una diabolica ricerca di dolci senza fine, invece, ciò che attiva in modo sano la produzione di serotonina e anche di dopamina, ormoni coinvolti entrambi col tono dell’umore, è l’attività fisica, soprattutto se aerobica. Per cui, Mara, ti suggerisco di dedicarti con costanza ad un’attività fisica che ti piaccia, sia per affrontare meglio il periodo del ciclo mestruale, sia per attivare il metabolismo e bruciare calorie in modo da veder scendere nuovamente la lancetta della bilancia e perdere quei chili dei quali ti eri liberata con successo tempo fa.

In ultimo, per i momenti in cui vacilli e perdi la motivazione, prepara una lista in cui scriverai tutti i vantaggi che avrai una volta che sarai dimagrita, spaziando da “mi vedrò più bella” a “mi sentirò più a mio agio con me stessa”, a “potrò finalmente indossare gli abiti che preferisco”, a “miglioreranno le mie relazioni sociali”… Più la lista sarà ricca, più ti sarà di sostegno quando avrai voglia di mollare. Portala sempre con te, facendone varie copie e all’inizio leggila almeno due volte al giorno, poi potrai usarla come pronto soccorso nei momenti più difficili. Ok?

Sono sicura che raggiungerai il tuo obiettivo, in bocca al lupo!

Floriana Ventura

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl desiderio di mangiare
Articolo successivoDimagrimento localizzato
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.