Home Dieta Scrivi alla psicologa I dolori della menopausa

I dolori della menopausa

CONDIVIDI

Ciao, io sono Cristina e non è molto facile per me parlare di certe cose con qualcuno, sono molto timida ed ho un mare di tabù. Vorrei chiederti delle cose: quando si è in menopausa  il rapporto sessuale non  è più come prima, cioè i tabu rimangono ma i rapporti si allontanano. Io provo molto dolore quando stiamo insieme, ho provato un lubrificante ma forse non so come si mette perchè la ferita del parto mi fa troppo male e per svariati giorni! Non credo dipenda dalle dimensioni ma forse dal movimento. Vorrei sapere da te cosa posso fare, ho letto le mail  di Melarossa per rinforzare il perineo, fare gli esercizi di Kegel, ma cosa bisogna fare per rinforzare tutto ciò che tu ritieni opportuno che sia fatto per aver miglioramenti? Ti saluto, aspetto risposta, ciao alla prossima!

Cara Cristina,
sono contenta che tu abbia preso il coraggio di scrivermi superando l’imbarazzo, per una questione così importante. Prima di tutto credo sia bene verificare che a livello medico vada tutto bene, facendo una visita ginecologica. Qualora fosse, come ti auguro, tutto a posto, considera che la carenza degli estrogeni dovuta alla menopausa provoca la diminuzione della capacità di lubrificazione della vagina, per cui l’uso del lubrificante dovrebbe aiutarti  molto. Mettine accuratamente e in abbondanza in loco prima di avere un rapporto e chiedi al tuo partner di metterne anche lui, in modo che l’attrito si riduca in modo importante. Il fatto che il disturbo si sia affacciato solo ora può far pensare ad un coinvolgimento psicologico. Come hai preso l’arrivo della menopausa, Cristina? Sai che la mente può avere un potere grandissimo nell’influenzare il corpo?
Mi racconti che vivi la sessualità con molti tabù e, sai, spesso può succedere che una serie di pensieri negativi che tu fai sull’argomento possano produrre una contrazione involontaria dei muscoli che circondano l’accesso vaginale tale da impedire o rendere difficoltosa e dolorosa la penetrazione. Lo stimolo che provoca questa condizione può essere sia la paura del dolore, sia una forma di ansia e/o angoscia. Il rischio che correte come coppia è che vi spaventiate e proccupiate al punto di rinunciare alla vita sessuale. Ma ci sono delle cose che puoi fare: qualora fosse confermata la diagnosi di vaginismo, è importante intervenire sia dal punto di vista fisico, con l’utilizzo dei dilatatori di Hegel, come già stai facendo, sia dal punto di vista psicologico, per eliminare la risposta condizionata dovuta alla tua paura e all’ansia, che fanno contrarre eccessivamente i muscoli della vagina.
Parlane col tuo ginecologo e in caso contatta una psicoterapeuta esperta di disturbi sessuali e vedrai che presto potrai godere nuovamente di una appagante vita sessuale.
In bocca al lupo
Floriana Ventura

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteUn nemico allo specchio
Articolo successivoIl mio segreto per stare bene? La curiosità
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.