Home Dieta Scrivi alla psicologa Fame nervosa

Fame nervosa

CONDIVIDI

 

Buona sera dottoressa Floriana, purtroppo da un anno tutte le mie ansie mi portano a sfogarmi sul cibo…
Da quando ho iniziato a mettere su qualche chiletto non faccio che pensare a quanto io sia brutta e a quanto siano enormi le mie cosce, non riesco quasi a studiare, a concentrarmi e spesso entro in depressione. Non riesco più a seguire una dieta come facevo prima!
E’ un circolo vizioso perchè so che fin quando non ritroverò la mia forma non starò bene con me stessa, ma poichè non riesco più a controllarmi non perdo peso e sconfortata ricomincio a mangiare……
Potrebbe darmi un consiglio per superare questo problema?

Cara Sofia,
mi sembra proprio che tu sia entrata nel diabolico circolo vizioso del rimuginio (mannaggia!), un modo di pensare ricorsivo e ripetitivo riferito al futuro che produce ansia crescente e invade la maggior parte delle attivita quotidiane, senza generare però un’attivazione costruttiva, bensì bloccandoti completamente. Quello che accade è che in realtà non riesci a fare nulla per risolvere il problema, se non PENSARCI, ma senza soluzioni costruttive! E a livello emotivo accumuli ansia, frustrazione, senso di inefficacia e ne risentono anche concentrazione e capacità attentive.
Insomma, è fin troppo evidente, Sofia, che per star bene, devi, prima di tutto, interrompere la tua attività rimuginativa. Sai come?
Due sono i passi prinsipali:

1- Tutte le volte (TUTTE!) che ti accorgi che stai rimuginando (“non ce la farò mai, sono grassa, ho le cosce grosse…”) devi bloccare immediatamente quel pensiero, in modo deciso, aiutandoti magari dicendo “stop!” ad alta voce oppure battendo le mani una volta, o dandoti un pizzico forte… insomma l’obiettivo è che tu interrompa immediatamente quel pensiero e che lo faccia tutte le sante volte che si affaccia alla tua mente;

2- Poi, dopo aver bloccato il pensiero, dedicati per almeno 5-10 minuti ad un’attività piacevole che ti aiuti a spostare il pensiero su tutt’altro, generando una spirale positiva di pensieri, ad esempio facendo sport, dedicandoti al tuo hobby preferito, chiamando un’amica, facendo una passeggiata…

Metti in atto queste indicazioni fino a quando il rimuginio sarà diminuito molto se non scomarso del tutto e contemporaneamente ricorda a te stessa che hai le risorse per raggiugere il tuo obiettivo, basterà non boicottarti più da sola! 😉
Buon lavoro e in bocca al lupo!
Un caro saluto

Floriana Ventura

Commenti
CONDIVIDI
Articolo precedenteMancanza di motivazione
Articolo successivoLa frutta sciroppata, pronta o fai da te?
Mi chiamo Nicoletta Cinotti, sono un Event Manager e mi occupo della gestione della produzione, della grafica e del montaggio video all'interno del sito melarossa.it