Home Dieta Scrivi alla psicologa Dieta e immagine di sé

Dieta e immagine di sé

CONDIVIDI

 
Buonasera,

ho 30 anni, sono sempre stata attenta al cibo, anzi ho passato un periodo della mia vita che sono arrivata quasi all’anoressia. Adesso faccio un lavoro abbastanza stressante, non riesco ad avere un ritmo costante con il cibo, a volte salto i pasti, e mangio più che altro schifezze, tipo cioccolato, salatini, caramelle, anche durante tutto il giorno, più che altro per nervosismo. Peso 52 kg, il mio peso ideale, cioè che mi sento bene con me stessa, è 48 kg, ma non riesco più a raggiungerlo, faccio sport saltuariamente, poiché per lavoro non riesco. Nell’ultimo periodo ho pancia e stomaco gonfio, e dolori ogni volta che mangio. Io penso che sia lo stress, come posso risolvere e regolarizzare il tutto?e perdere di conseguenza anche i miei 4 kg in più, che poi non sono così tanti.

Grazie

Valentina

Risposta

Cara Valentina,

la tua mail mi spinge ad affrontare 2 aspetti importanti, che hanno a che fare con l’immagine di sè e col dare il giusto peso al proprio peso corporeo.
Non mi dici quanto sei alta, ma anche se fossi brevilinea, 52 kg mi sembra essere un peso assolutamente ragionevole. Sottolineo il termine “ragionevole”, intendendo proprio un peso che sia possibile mantenere, uscendo dal criterio del peso ideale, che in quanto “ideale” è molto difficile da raggiungere e ancor di più da stabilizzare.
Detto questo, probabilmente quello che sta accadendo, o che forse succede da parecchio tempo, è che, a causa di una percezione non tanto realistica della tua immagine, ti vedi peggio di come sei realmente e ti trovi a dare troppo peso al peso!
Allora, Valentina, voglio darti qualche suggerimento pratico:

– Concentrati sulle parti del tuo corpo che ti piacciono di più (e non il contrario!)
– Di’ a te stessa: «va bene cosi…»
– Concentrati sui benefici del tuo attuale peso
– Cambia il tuo eventuale termine di paragone
– Sii realista quando ti pesi
– Accetta i complimenti degli altri
– Rendi più ricca la tua vita

Poi, visto che ti capita di mangiare sregolatamente in preda al nervosismo, sappi che esiste un modo per tenere a bada le cosiddette smanie di cibo.
Considera che aspettare che una smania di cibo passi aumenta la tua capacità di tollerarla e la tua fiducia di riuscirci.
Le smanie di cibo diminuiscono nel momento in cui decidi che NON hai assolutamente intenzione di trasgredire la dieta; aumentano, invece, quando sei indecisa se mangiare oppure no. La smania di cibo dura al massimo 5-10 minuti, per cui resisti per quel tempo, tenendoti occupata in qualcosa di piacevole, e passerà.
Se torna dopo un po’, comportati allo stesso modo, e così tutte le volte che se ne affaccia una, e pian piano ne verranno sempre meno e più gestibili. Ok?
Tentar non nuoce!

Un caro saluto,

Floriana Ventura

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteDieta e smania di cibo
Articolo successivoChe fatica rinunciare ai dolci!
Sono una giornalista specializzata in produzione di contenuti sui media digitali e tradizionali, content e social media marketing. All'interno di Melarossa mi occupo soprattutto di pianificazione editoriale e coordinamento redazionale.