Home Dieta Scrivi alla psicologa Crisi esistenziale e sovrappeso

Crisi esistenziale e sovrappeso

CONDIVIDI

Ciao, sono Erica.
Sono una ex-nuotatrice agonistica, ma adesso sono una vera ‘ameba’…e mi sento una schifezza. Ti racconto tutto…
Ho nuotato a livelli molto alti per 15 anni. Problemi di peso ne ho sempre avuti, ma con 4 ore (minimo) di allenamento al giorno 6 giorni su 7 più le gare tutto sommato me la sono sempre cavata!
Causa intervento a una spalla (distrutta con gli allenamenti) ho dovuto smettere 4-5 anni fa e la fortuna non è stata proprio dalla mia.
I miei genitori si sono separati, io ho preso la laurea triennale e non ho fatto altro che ingrassare; non mi sono più mossa e ho perso la mia costanza, la tenacia e tutte la forza mentale che avevo.
Negli anni l’unica cosa che sono riuscita a fare è stata di prendere 10-12 kg ogni inverno e di perderne qualcuno d’estate…..ogni anno……..e frustrazione, vergogna, rassegnazione mi hanno ormai pervasa.
Nell’ultimo anno e mezzo, in più, ho subito altri tre interventi chirurgici, di cui due a una caviglia, che mi hanno impedito di ricominciare a muovermi…anche nel piccolo (ho smesso di camminare, di saltellare, di guidare per un bel po’ di tempo).
Tra l’altro a luglio mi laureo e NON HO INTENZIONE DI AVERE DI NUOVO LE FOTO DI CUI MI POSSA VERGOGNARE!

Al 12 maggio sono due mesi dall’ultimo intervento ed è ora di fare qualcosa e sistemare questo yo-yo del cavolo una volta per tutte. Ah…tra l’altro negli ultimi anni sono seguita da una dietista ma con pessimo risultati :'(

Quanto vorrei avere la bacchetta magica…

HO BISOGNO DI QUALCHE CONSIGLIO…AIUTAMIIIIIIIIIIIIII !!!!!!

Grazie del tempo che mi stai dedicando e…buona serata!

Erica.

Cara Erica,
caspita quanto scoraggiamento e quanta demotivazione emerge dalle tue parole….
In effetti gli infortuni che ti sono capitati e lo stop obbligato al quale ti sei dovuta sottoporre hanno indubbiamente contribuito a farti accumulare kg, complice anche, evidentemente, una tendenza ad ingrassare ereditata o acquisita chissà come.
Quello che mi colpisce è, però, il tuo atteggiamento svalutante nei confronti di te stessa e le emozioni negative che hanno preso il sopravvento (frustrazione, vergogna, rassegnazione), come se tu misurassi il tuo valore personale attraverso il numero che leggi sulla bilancia o la taglia di abiti che indossi. Ma in realtà non c’entra nulla….
IL TUO VALORE COME PERSONA PRESCINDE DAL TUO PESO!
Ora, certamente è bene che tu perda peso, per una questione di salute e per sentirti più a tuo agio con te stessa, partendo dal perdere un 10% del tuo peso attuale (ovvero, se ora pesi 70 Kg, è salutare perdere 7 chili).
Questo può essere uno step ragionevole, che ti mette a riparo dai rischi per la salute e che ti consente di guardarti con occhi più amorevoli. Lo sguardo amorevole deve partire dalla consapevolezza che puoi perdonarti qualche chilo di troppo, arrivato anche in concomitanza con altri eventi importanti (separazione dei tuoi e laurea).
Erica, la benevolenza nei confronti di te stessa è il primo passo verso il raggiungimento degli obiettivi che desideri.
Inizia ponendoti piccoli obiettivi, volta per volta, prendendoti il merito anche dei piccoli risultati raggiunti, passo passo, fino alla fine.
Inizia cosi e se ti va, tienimi aggiornata.
Un saluto

Floriana Ventura

Commenti
CONDIVIDI
Dottoressa in editoria e giornalismo, collaboro con Melarossa occupandomi della rubrica di moda curvy, con una posta dedicata, della rubrica di bellezza, di quella dei testimonial e della pagina Instagram di Melarossa. Scrivo articoli anche per altre sezioni del sito, insomma scrivo, scrivo e adoro farlo. Mi piace uscire, viaggiare, fare shopping, leggere, bere e mangiar bene, insomma tutto ciò che ruota intorno allo star bene con se stessi e con gli altri.