Home Dieta Scrivi alla psicologa Bloccata in un circolo vizioso

Bloccata in un circolo vizioso

CONDIVIDI

 

Buongiorno,

Ho 30 anni e al momento sono sovrappeso di 23 kg.
Ho provato diverse diete drastiche perché volevo dimagrire velocemente, anche se so che è totalmente sbagliato.
In passato sono riuscita a perdere 5 kg con la dieta Dukan, ma ho capito che per me è impossibile sostenere una dieta con tutta quella carne, non mi piace proprio, quindi l’ho interrotta.

In seguito ho fatto la dieta Melarossa e sono riuscita a perdere 7 kg, questa dieta mi piaceva moltissimo, ero entrata completamente nel metodo e riuscivo ad organizzare tempi, quantità e qualità dei cibi.
Inoltre ero riuscita a ricominciare con la corsa, la mia passione, cosa che prima non riuscivo a fare a causa del peso eccessivo.
Un kilo alla settimana sono tornata a vedere sulla bilancia un numero che non vedevo da tanto tempo, e tutto questo mangiando in quantità, insomma una favola!

Purtroppo poi mi è caduto il mondo addosso: ho avuto un grave lutto in famiglia, questo preceduto da mesi di andirivieni all’ospedale, panini mangiati di corsa per fame e centomila schifezze mangiate per nervosismo e stress. Insomma me ne fregavo perché mentalmente non ero disponibile a sostenere l’impegno della dieta, ero troppo impegnata e spaventata dall’eventuale perdita di questa persona.
Insomma la testa non c’era più e oggi, a circa due mesi dalla brutta cosa che mi è capitata, mi ritrovo ad aver ripreso sia i 7 kg persi con Melarossa sia i 5 persi con la Dukan, in totale 23 kg da perdere, tanta frustrazione per aver rovinato tutto, una specie di tristezza perenne e nessuna voglia di infilarmi le scarpe da ginnastica.

Il mio problema è soprattutto la compulsione!
Infatti in teoria so quale sia la cosa giusta:
– ricominciare la dieta Melarossa
– ricominciare a correre
– aspettare i risultati che arriverebbero prestissimo
In teoria è semplicissimo, ma in pratica io mi trovo BLOCCATA COMPLETAMENTE e mi ritrovo in un circolo vizioso di abbuffate compulsive e digiuni che mi sta facendo lievitare a vista d’occhio!

Sto male e mi sento continuamente frustrata. Ero riuscita ad arrivare a qualcosa con tanto sforzo, ero oltre la metà della strada e adesso ricominciare tutto mi sembra come scalare una montagna!

Capita spesso anche questa compulsione: scrivo nel dettaglio quello che dovrò fare durante la giornata, durante la settimana, annoto tutto, come se fosse un appiglio sicuro, come se così facendo potessi riuscire ad evitare le abbuffate, una formula magica: quello che scrivo succederà!
Purtroppo poi ovviamente la realtà non è così e appena scritta la mia bella paginetta apro il frigo e ci do dentro. Succede sempre così, tutti i giorni.
Sono disperata a tal punto che ho iniziato a leggere siti pro ana senza nemmeno sapere perché.
Ho un continuo nervosismo dentro che mi logora e mi fa mangiare di tutto.
Non so più cosa devo fare!
Come posso rientrare in carreggiata?

Grazie per i suoi consigli,

Ilaria

Risposta

Cara Ilaria,

grazie per avermi scritto questa mail ricca di dettagli e cuore…
Quando si ha un aspetto di vulnerabilità, come nel tuo caso la tendenza ad ingrassare, nel momento in cui si presentano condizioni avverse è facile perdere di vista i riferimenti corretti e le sane abitudini apprese e velocemente si può ricadere nell’acquisito di peso e nella frustrazione.
Il passo successivo, ahimè, è quello di non riuscire a gestire efficacemente le emozioni negative, producendo un aumento delle stesse che a sua volta genera l’urgenza di fermare questa escalation emotiva attraverso modalità improduttive e disfunzionali come le abbuffate. Questa risultanza provoca, poi, una momentanea diminuzione dello “stress”, ma poi produce una visione di sé negativa, senso di colpa, inefficacia e vergogna. Insomma, un circolo vizioso diabolico!
Ilaria, tu puoi fermare questo circolo e uscire dal blocco in cui ti trovi adesso.
Per mail posso darti solo delle indicazioni sommarie, che potrebbero comunque essere sufficienti a ridarti lo stimolo giusto, altrimenti ti suggerisco di rivolgerti ad un terapeuta esperto in abbuffate che possa sostenerti mentre ti rimetti in carreggiata.

Intanto fai cosi:

    1 – Tieni a bada le smanie di cibo (un intenso impulso a mangiare accompagnato da una tensione e da una spiacevole sensazione di bramosia, nella bocca, nella gola o nel corpo e non trovi sollievo fino a quando non mangi il cibo ”smaniato”): considera che iniziano a diminuire nel momento in cui decidi che NON hai assolutamente intenzione di trasgredire la dieta. Aumentano, invece, quando sei indecisa se mangiare oppure no. Tieni presente che la smania di cibo dura al massimo 5-10 minuti, per cui resisti per quel tempo, tenendoti occupata in qualcosa di piacevole, e passerà.
Se torna dopo un po’, comportati allo stesso modo, e così tutte le volte che se ne affaccia una, e pian piano ne verranno sempre meno e più gestibili.  

      2 – Scarica la mia guida gratuita che trovi nel link sottostante:
http://www.florianaventura-psicologa.it/images/pdf/GuidaPsicodieta.pdf
Troverai una serie di indicazioni pratiche per cominciare a governare attivamente il tuo dimagrimento, imparando a gestire i momenti difficili, in cui ti viene voglia di strappare, con delle tecniche descritte nei dettagli. Mi raccomando, inizia da subito a mettere in pratica quanto descritto nella guida ed esercitati quotidianamente.

      3 – Ricomincia gradualmente a rimettere le scarpe da ginnastica per andare a camminare, anche 15 minuti al giorno, magari in compagnia di un’amica. Tutto sta a non sentire il peso di una montagna da scalare, ma a fare i primi piccoli passi. Una casa si costruisce cominciando a mettere il primo mattone, poi il secondo, poi il terzo e così via…
Tu puoi partire da piccole cose e pian piano aumentare mentre riconquisti la fiducia nelle tue capacità.
Sono certa che riuscirai a sbloccarti, prima di quanto credi.
In ogni caso rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti o necessità.

In bocca al lupo,

Floriana Ventura

Commenti
CONDIVIDI
Articolo precedenteInsalata di kamut alla mediterranea
Articolo successivoAttività in acqua: quale scegliere?
Sono una giornalista specializzata in produzione di contenuti sui media digitali e tradizionali, content e social media marketing. All'interno di Melarossa mi occupo soprattutto di pianificazione editoriale e coordinamento redazionale.